Gotham – Recensione 3×14

Non so come iniziare, volevo dirlo alla fine ma non posso scrivere una recensione aspettando il momento giusto per sputare il rospo.
Purtroppo questo mid-season final sarà l’ultima recensione di Gotham da parte dei Red Heads Diaries, credetemi mi fa male il cuore a pensare che non potrò più sfogarmi con voi per Pinguino, Barbara o Nygma, ma purtroppo non abbiamo avuto scelta.
Dopo questo intro tragico, godiamoci fino in fondo la recensione di Mad City: The Gentle Art of Making Enemies”! 

Se Gotham deve finire per i Red Heads, almeno finisce con il grande botto:

  • Pinguino & Nigma
  • Jerome & Bruce
  • Jim & Zio

Partiamo dall’ultimo punto:
Inizio da qui perché questa è la parte che mi è piaciuta meno e mi ha confuso di più, i gufi/La corte vede Gotham allo sbando e se ne esce con frasi tipo “Se la situazione peggiora saremo costretti ad intervenire”.
Peggio di quella situazione c’è un attentato terroristico, quindi, esattamente, che cavolo aspetti a intervenire?
Un pazzo furioso gira per le strade e non lo ritieni una priorità?
COMPLIMENTI AI GUFI (o alla corte, non ho capito ancora la differenza, se c’è una differenza).
Altro punto dolente:
Nei gufi c’è lo zio di Jim
Questo potevo aspettarmelo, nel senso, c’è stato un episodio dove si faceva riferimento ad un anello della famiglia Gordon, quindi più che uno sconvolgimento è stato una conferma, mi aspettavo che fosse il padre che non era morto davvero o resuscitato ma ben venga che non sia così.

JEROME & BRUCE
Cameron da un tocco dark a Gotham che è una cosa meravigliosa, è violentemente pazzo e non si sa mai cosa possa girare in quella testolina malsana, poi con quegli spilli che gli tengono il viso riesce ad essere anche molto inquietante!
Finalmente abbiamo visto qualcosa di BATMAN, L’attesa nel vedere il piccolo Bruce all’azione è stata ripagata, chi non ha sofferto o si è coperto gli occhi quando si è tolto le graffette dalla pelle?
Un mix di dolore e disgusto che ha reso tutto molto inquietantemente bello!
Fortunatamente Jerome è sano e salvo, sarà portato ad Arkham dove può “semplicemente” evadere e tornare ad allietare qualche episodio futuro di Gotham.
Dopo la scena nella casa degli specchi io pretendo di vederlo molto più spesso!

PINGUINO & NYGMA
Questo è il mio momento e nessuno me lo toglierà, tra una dichiarazione e una probabilissima morte, non possiamo fare a meno di aspettare il ritorno di Gotham maledicendo tutti coloro che hanno deciso di lasciarci in questo stato fino ad aprile.
Il piano di Nygma, infallibile a dir poco, ha mostrato le sue falle, non aveva previsto che Oswald fosse DAVVERO innamorato di lui e quando non l’ha tradito il tutto si è fatto più difficile.
Sul quel maledetto ponte ha tentennato, e tutti sapevamo che non avrebbe sparato, perché andiamo, PINGUINO NON PUÒ MORIRE, e invece no,  quel colpo è partito.
Ci siamo lasciati con il sangue di Oswald tra i suoi vestiti e le mani, mentre l’acqua del fiume da verde diventava rossa abbiamo pregato che l’episodio non si concludesse.
Purtroppo però è proprio così che è andata ed io non posso sopravvivere 2 mesi in queste condizioni.
Recensire questa serie è stato un’onore e un piacere, non smettere di seguirci, le news saranno sempre aggiornate e poi il 27 e 28 Maggio sarò a LONDRA proprio con il cast di GOTHAM!
Non lasciateci!

-Sara

 

Gotham, Recensioni, Telefilm

Informazioni su Sara Spagnoli

Ciao a tutti! Sono Sara, il Braccio Destro dei Redheads Diaries, vivo a Roma e, come potete immaginare, sono una telefilm addicted. Le mie serie preferite sono, Game of Thrones, Blindspot, This is us e talmente tante altre che sono impossibili da elencare. MIO MARITO È CISCO RAMON!

Precedente Lucy Hale sarà la protagonista di Life Sentence dopo la fine di Pretty Little Liars. Successivo The Vampire Diaries: l’Inferno a Mystic Falls? Alcune foto dal set!