Stranger Things – Recensione 2×04

Ciao ragazzi, oggi a parlarvi è nuovamente Veronica.
Vi ricordate di me? Abbiamo condiviso insieme la season premiére di questa meravigliosa serie.

Oggi, sono qui per parlarvi di un nuovo capitolo, precisamente il quarto:

Chapter Four: Will the Wise

Tradotto: Capitolo Quattro: Will il Saggio.

L’episodio infatti tende ad incentrarsi su Will in quanto nonostante sia riuscito a scappare dal Sottosopra, resta quello più collegato ad esso e come abbiamo visto negli ultimi minuti del capitolo tre, il Sottosopra sembra persino essere entrato dentro di lui.

Questo aver inglobato il sottosopra dentro di sé è qualcosa che in realtà non ci è nuovo in quanto, la scorsa stagione, dopo che tutto sembrava essere finito per il meglio, l’abbiamo visto “rimettere” qualcosa di simile a quello che oggi ha il nome di Dart.

Si, il piccolo animaletto domestico di Dustin aka mini Demogorgone.

Questa specie di ranocchietto/caccola gigante/mini Demogorgone che ama il croccante, sembra crescere a vista d’occhio e dopo aver mangiato il gatto di Dustin, si preannuncia decisamente più pericoloso di quanto il ragazzino avesse immaginato.

Il che rende abbastanza difficile la messa in pratica del piano di Mike: utilizzarlo per aiutare Will.

Ma in ogni caso,

questo esserino potrebbe davvero aiutare Will?

Le cose infatti, almeno a parer mio, si sono messe ancor peggio dell’anno scorso per lui in quanto, se prima si era semplicemente “perso” nel Sottosopra, ora è il Sottosopra ad essersi perso dentro di lui.

Grazie a questo però, il nostro poliziotto preferito è riuscito a capire il motivo per cui tutte le campagne di Hawkins sembrano essere diventate aride e, negli ultimi minuti dell’episodio lo vediamo all’interno degli stessi strani tunnel che si trovano nella mente di Will. Cosa ci riserverà tutto questo nel prossimo episodio?

A proposito di Jim, lo abbiamo visto in conflitto con Undi, un conflitto che ci fa capire ancor di più quanto questi due siano in realtà una famiglia.

Lo so che è stata una scena forte e vedere la piccola, forte Undi in lacrime e in preda alla rabbia mi ha spezzato il cuore MA è questo che succede in tutte le famiglie, no?

Ci si arrabbia, ci si grida contro, a volte si vorrebbe anche chiedere scusa ma non ci si riesce perché la rabbia mista all’orgoglio prevalgono e ci impediscono di esternare i nostri veri sentimenti. Ed è proprio questo che vediamo.

Ma non solo.

Vediamo il passato di Undi (cosa che avevamo visto in piccoli frammenti anche negli scorsi episodi) e la vediamo trovare finalmente una casa grazie a Jim. La vediamo imparare a fare le piccole cose che a noi sembrano quasi scontate e ripulire tutto, come se con quei pavimenti stesse ripulendo anche la sua vita.

E la vediamo poi cercare sua madre e perderla nuovamente, dopo averla sentita chiamare il suo nome: Jane.

Ora, alzi la mano chi non ha pianto con Undi in quella scena.

 

Una scena profonda e toccante che mi fa domandare se lei riuscirà davvero ad avere una vita normale come tutti gli altri bambini. O anche solo come Will che sicuramente non ha una vita normale ma ha una famiglia che gli compre le spalle.

Se la nostra Joyce decidesse di renderci tutti felici e coronasse il suo sogno d’amore con Hopper adottando la nostra piccola Undici, non saremmo tutti più felici?

Ma forse, le cose sarebbero troppo semplici.

A proposito della famiglia di Will, dobbiamo spendere due parole sulla missione “suicida” di Nancy e Jonathan.

Come previsto la ragazza non ha intenzione di lasciare che i genitori della sua migliore amica perdano tutto per ritrovare qualcuno che purtroppo non può essere ritrovate e per questo, ha una nuova missione: distruggere quel laboratorio.

Un obiettivo molto nobile se non fosse che c’è davvero molto in gioco e la minaccia non molto velata del tizio sicuramente rende il tutto ancora più concreto. Al suo fianco, in questa folle avventura non vediamo più Steve, che voleva farla ragionare ma il suo antagonista che, a differenza del ragazzo si getta nelle fiamme del pericolo pur di aiutare la ragazza che -molto probabilmente- ama a realizzare ciò che sente più giusto.

Personalmente  non condanno nessuno dei due ragazzi in quanto gli ideali di Nancy sono giusti e se fossi in lei forse anch’io agirei allo stesso modo per avere giustizia ma allo stesso tempo Steve ha ragione e vuole solamente proteggere se stesso e quella che fino a poco tempo fa era la sua ragazza.

Anche se, in questa stagione ho sviluppato un profondo amore per Steve quindi sono un po’ più #TeamSteve anche in questa occasione.

Insomma, siamo di nuovo al duo che lo scorso anno ci fece innamorare combattendo contro il Demogorgone, quest’anno saranno loro ad innamorarsi l’un l’altro?

Un ultimo appunto su Max che sembra, come avevo accennato sin dal primo episodio, avere un gran bel segreto. Se quel tizio strano ed inquietante non è suo fratello, di chi si tratta?
E perchè le ha detto che Lucas fa parte delle persone che non può frequentare? Che avessi ragione sul suo conto?

La serie continua a riconfermarsi un gioiello inestimabile e sono sicura che gli episodi che ci separano dal season finale riusciranno a farci battere il cuore proprio come ha fatto questo. Voi cosa ne pensate?

Fatecelo sapere lasciando un commento qui sotto!

Veronica.

 

Precedente Stranger Things: Finn Wolfhard difende i suoi amici su Twitter Successivo Jennifer Aniston e Reese Whiterspoon riunite grazie ad un nuovo show Apple