Crea sito
Chilling Adventures of Sabrina,  Recensioni,  Telefilm

Chilling Adventures of Sabrina – Recensione 1×09

Bentornati streghe e stregoni in una nuova recensione di

Chilling Adventures of Sabrina

Siamo ormai giunti al penultimo episodio e a parlarvene,come preannunciato diverse recensioni fa, è ancora una volta il vostro Big Boss di fiducia, Veronica.

Capther Nine: The Returned Man

Titolo italiano, La resurrezione.

Titolo più azzeccato: le cavolate di Sabrina Spellmann.

Il Salem del cartone “magica Sabrina” cantava nella sigla “ti conosco piccola Sabrina, tu combini solo guai” e direi che, nonostante ci troviamo di fronte ad un adattamento diverso, la frase calza ancora a pennello alla nostra mezza strega.

Qualsiasi cosa faccia finisce sempre per combinare guai, rendendo estremamente semplice il lavoro della sua professoressa -anche se sappiamo che non è realmente lei- che in combutta con il Signore Oscuro sta tentando di allontanarla da tutti i suoi amici e ci sta riuscendo. Alla fine di questo episodio Sabrina non ha più legami con il mondo mortale; Harvey l’ha lasciata e le sue amiche sono convinte che lei sia cattiva.

Un po’ se l’è cercata, un po’ la professoressa ci ha messo il suo zampino ed ora le cose hanno finito con l’andare a rotoli.

A proposito dello zampino della donna, ho iniziato ad avere alcune perplessità che volevo condividere con voi e che spero mi siano chiarite nell’ultimo episodio. Sì, Sabrina è una strega ma anche le sue amiche sembrano avere poteri… che questi poteri non siano solo frutto di un incantesimo fatto dalla professoressa?

Su Susie ne sono convinta al 99% mentre ho qualche dubbio in più per quanto riguarda Rosalind. La maledizione lanciata sulla sua famiglia avrebbe decisamente senso, così come le sue visioni che però, guarda caso hanno portato Sabrina esattamente dove la professoressa voleva che fosse e soprattutto, hanno sortito l’effetto da lei desiderato. Che ci sia semplicemente lei dietro le visioni della ragazza?

A proposito della professoressa inoltre, voglio parlare nella scena del limbo che a me è piaciuta particolarmente. Il filo rosso mi ha riportato con la mente ai tempi della scuola, a Teseo e il minotauro e ho apprezzato sia l’incontro con l’anima di sua madre che l’impossibilità di riportare indietro Tommy, in una sorta di reboot di Hercules e Megara.

Sono certa che dietro  questo fallimento ci sia la donna; non so come abbia controllato il mangiatore di anime, anche se avendo l’appoggio del Signore Oscuro probabilmente per lei è stato molto, molto semplice ma sono certa che sia così. Insomma, va bene la sfiga ma erano usciti, possibile che siano stati così sfortunati? Deve per forza esserci lo zampino di Satana.

A proposito di Sabrina comunque, credo che abbia la sua buona dose di colpe. Non è un’adulta come lei afferma di essere -e come probabilmente tutti noi alla sua età abbiamo erroneamente affermato- e non riesce a comprendere fino in fondo le conseguenze delle sue azioni. È giovane  e a volte fin troppo imprudente; come ogni ragazzino crede che nulla di brutto possa capitarle -il fatto che abbia i poteri magici poi non fa altro che accentuare questa convinzione, rafforzata anche dal fatto che fin’ora la fortuna è parsa stare sempre dalla sua- e tende a non ascoltare i consigli di chi le vuole bene ed ha più esperienza di lei. Come tutti gli adolescenti, in fin dei conti.

Persino Ambrose che in genere è dalla sua parte, che la copre e la aiuta il più delle volte, si rifiuta di aiutarla schierandosi dalla parte di zia Zelda che nonostante forse sia particolarmente dura con lei, non vuole altro che il suo bene. Ed in questo episodio, più che in qualunque altro, ce ne rendiamo conto. Lei non è sua madre, come Sabrina non ha perso tempo a sottolineare, ma ama Sabrina come una figlia ed è proprio per questo che nonostante le parole che si sono lanciate addosso in un momento di pura rabbia, non le volte le spalle nel momento del bisogno.

Non venire a piangere sulla mia spalla quando tutto il tuo mondo andrà in frantumi.

Le dice, durante il litigio e nel finale, è proprio quello che accade.

Questa contrapposizione tra ciò che dice in un momento di rabbia e ciò che fa quando effettivamente le cose vanno come previsto credo sia meraviglioso. Zelda è una madre per Sabrina, non importa che non l’abbia partorita, l’amore che prova per lei è tanto grande da superare qualsiasi rabbia o delusione.

Spero solo che Sabrina impari presto a capire chi le vuole bene e di chi può fidarsi; è estremamente umano andare dalla parte di chi ti dice sempre di sì e dare contro a chi invece non lo fa, spesso per il tuo bene, e riuscire a comprendere questa differenza è segno di maturità, cosa che spero di vedere nella seconda stagione. Sabrina ha un cuore grande ma ha bisogno di imparare i suoi limiti, di comprendere che ogni cosa ha un prezzo e che non si può sempre fare qualcosa perché non importa quanto le nostre intenzioni siano pure, spesso possono finire col peggiorare la situazione.

 

L’episodio in generale mi è piaciuto e sono molto curiosa di scoprire come andrà a finire. Ho sentito tanti commenti positivi e so che dopo il prossimo episodio sarà dura aspettare la seconda stagione (che per fortuna stanno già girando!) che vi comunico già da oggi sicuramente continueremo a recensire. Quindi, anche se oggi è il nostro ultimo giorno insieme per questa stagione -non mi occuperò io di recensire il season finale ma la nostra cara Irene, tornerò sicuramente alla prossima per farvi compagnia, non mancate!

Considerazioni random:

  • Che bella è stata la scena di Hilda che difende Susie? Solo per questo lei non dovrebbe credere che le streghe sono cattive!
  • Mi piace Nicholas anche se non mi convince al massimo; è troppo strano che sia così dalla parte di Sabrina.

Veronica.

Commenti disabilitati su Chilling Adventures of Sabrina – Recensione 1×09

Scrittrice, Blogger e telefilm addicted: un mix letale che fa di me il Big Boss delle Redheads Diaries.