Crea sito
Senza categoria

Cobra Kai – Recensione terza stagione

Ciao a tutti ragazzi e bentrovati nella mia ultima, folle idea: recensire la terza stagione di Kobra Kai.
Da fan di Karate Kid (film cult degli anni ’80) non potevo certo lasciarmi sfuggire l’occasione di parlarvi di quello che è a tutti gli effetti il continuo.
Ma bando alle ciance, cominciamo subito a parlare di Cobra Kai con la Recensione terza stagione.

La seconda stagione si è conclusa con Miguel in ospedale che lotta tra la vita e la morte, Sam che vince lo scontro con Tory, Demetri che batte Falco e il mio protetto, Robby, che fa volare Miguel giù per le scale. In tutto questo Johnny Lawrence lancia il telefono sulla sabbia proprio quando Ali Mills aveva risposto al suo messaggio su Facebook. Insomma… questa serie non è diversa dalle altre, regna sovrano il mai na’ gioia.

La serie comincia molto male, Jonny non ha più un Dojo dove insegnare e i suoi studenti gli hanno voltato faccia preferendogli, l’odioso Kreese.
Kreese è stato spesso al centro dell’attenzione, Cobra Kai infatti ha scelto anche di parlare della sua esperienza in Vietnam e di come è stato introdotto nel mondo del Karate.
Di solito, quando si raccontano le storie traumatiche dei personaggi cattivi, si dovrebbe in qualche modo empatizzare, con John Kreese però questo non avviene. Lo odiavo, lo odio e sicuramente lo odierò nella quarta stagione che è già in lavorazione.

Johnny:

Cobra Kai - Recensione terza stagione

Johnny al contrario è semplicemente meraviglio. Dopo un inizio difficile, soprattutto nel rapporto con il suo allievo Miguel, le cose prendono una piega straordinaria. Il rapporto tra Miguel e Johnny diventa, se possibile, ancora più speciale, soprattutto nelle sequenze degli allenamenti per far rialzare Miguel dalla sedia a rotelle.
Altra scene meravigliosa, che suggella definitivamente il miglior rapporto padre/figlio della serie, è proprio quando sul finale le parole di Johnny che danno a Miguel la forza di rialzarsi, lottare e vincere lo scontro con il bullo della scuola, ormai a tutti gli effetti membro del Cobra Kai.

Robby:

Come potrei non parlare di Robby? Il mio pupillo ha passato tutta la terza stagione in riformatorio, il mio cuore scena dopo scena si frantumava. Speravo che reagisse, che mostrasse al riformatorio che con lui non se la dovevano prendere, altrimenti avrebbe usato il suo Karate.
Questo è ovviamente alla fine è successo, ma in un modo totalmente diverso da quello che mi aspettavo, infatti Robby reagisce dopo la visita di Kreese e agisce con un solo pensiero: agire per primo e senza pietà.
Una volta fuori dal riformatorio speravo poi che le cose per lui potessero migliorare, ma invece sono colate a picco.
Il mio Robby, il mio dolce e tenero Robby, è entrato a far parte del Cobra Kai e io sono in lutto.

Continuiamo la recensione della terza stagione di Cobra Kai approfondendo meglio il paragrafo di un altro personaggio:

Daniel

Neanche a Daniel le cose sembrano andare bene dopo la rissa a scuola, infatti visto che Robby era un allievo del Miyagi do karate, ora tutti vedono il dojo il malo modo.
Neanche la situazione alla concessionaria è stata delle migliori, ma un viaggio oltre oceano ci ha regalato tre reunion e anche la risoluzione del problema.
Le scene più belle comunque sono quelle degli allenamenti, perché ci hanno permesso di vedere finalmente Chozen sotto una luce diversa.
Nel secondo film di Karate Kid, Chozen voleva uccidere Daniel ed ora non solo lo troviamo a insegnargli una nuova tecnica, ma sono sono anche amici!

Tra l’altro quella tecnica si è rivelata preziosa nello scontro finale con Kreese: una scena memorabile, forse la più bella della stagione!

Sam:

Non una grande stagione per Sam, a dire il vero. Ho apprezzato l’ultimo scontro con Tory, ma per tutta la terza stagione di Cobra Kai è stata sotto tono.
Sicuramente era sconvolta per la rissa a scuola e il dolore che questa le ha procurato, ma quello che era un personaggio molto bello non mi ha convinto a pieno.
Sicuramente ho apprezzato l’introduzione degli attacchi di panico e soprattutto il discorso che ha fatto Daniel ricordando il terzo film.

Non sono felice neanche del fatto che Sam sia tornata con Miguel. Insieme proprio non mi piaccio e poi ammetto di averla sempre amata con Robby… ma aspetto con ansia la quarta stagione per vedere Sam Larusso tornare a volare alto!

Falco:

Non potrei essere più felice. Falco è sempre stato un personaggio la cui storia sapevo prima o poi sarebbe decollata definitivamente e nel modo migliore. Quando ha tradito i suoi compagni del Cobra Kai per schierarsi dalla parte di Demetri il mio cuore è letteralmente esploso.

Quando ha spezzato il braccio al suo migliore amico avevo anche un pò perso le speranze, ma proprio quando non me lo aspettavo il mio ragazzo ha capito da che parte stare.

Concludiamo questa recensione della terza stagione di Cobra Kai parlando delle reunion.

Reunion:

Questa terza stagione è stata ricca di reunion, infatti oltre a Chozen abbiamo rivisito Kumico, la bambina che Daniel ha salvato da un tifone nel secondo film e niente meno che Ali Mills!

Cobra Kai - Recensione terza stagione

Ali è stata decisamente la miglior reunion di sempre: è riuscita a far fare pace a Johnny e Daniel ed è in parte per merito suo se adesso i nostri due sensei si sono uniti per cacciare Kreese dalla città.

Cobra Kai - Recensione terza stagione

Insomma ragazzi, la terza stagione di Cobra Kai è stata una vera bomba! È sempre più difficile trovare una serie che mantenga le aspettative stagione dopo stagione e Cobra Kai è davvero bellissima, dalla prima alla terza stagione!

Bene ragazzi, io sicuramente tornerò per parlarvi della quarta stagione, sperando che esca il prima possibile, ma nel frattempo vi invito a passare nella nostra pagina Facebook, a leggere i nostri articoli e a lasciare un commento qui sotto per farci sapere le vostre impressioni su questa amatissima serie!

A presto,

-Sara


Commenti disabilitati su Cobra Kai – Recensione terza stagione

Ciao a tutti! Sono Sara, il Braccio Destro dei Redheads Diaries, vivo a Roma e, come potete immaginare, sono una telefilm addicted. Le mie serie preferite sono, Game of Thrones, Blindspot, This is us e talmente tante altre che sono impossibili da elencare. MIO MARITO È CISCO RAMON!