Crea sito
Grey's Anatomy,  Recensioni,  Telefilm

Grey’s Anatomy – Recensione 16×07 | The Redheads Diaries

Buon pomeriggio e ben tornati a tutti sul nostro blog. Un’altra settimana è passata e il nostro appuntamento la recensione della 16×07 di Grey’s Anatomy è arrivato.

Siamo giunti alla 16×07 del medical drama. L’episodio, intitolato Papa Don’t Preach, si è basato principalmente sul concetto di famiglia e su due personaggi principali, la bella Amelia e la bella Maggie.

Abbiamo anche cambiato ospedale, dal momento che abbiamo abbandonato il Grey Sloan e ci siamo ritrovati nel Pac North (anche se i medici erano praticamente gli stessi…).

Non voglio perdere altro tempo nell’introduzione, quindi INIZIAMO.

MAGGIE&FAMILY

Piccola cuoricina.

Già dallo sneak peek non vedevo l’ora di vedere questo episodio, che ci ha dato la possibilità di conoscere parte della famiglia di Richard e Maggie. Ero entusiasta nel capire chi fosse la ragazza che le assomigliava tantissimo, ed ecco la cugina Sabi!

Sin da subito ADORABILE e sopratutto molto comprensiva nei confronti di Maggie, che si è trovata sommersa da sentimenti contrastanti, e anche sconvolta per il fatto che Richard non ha mai parlato di loro a Maggie, il che sinceramente lo trovo ingiusto, soprattutto nei confronti della chirurga.

alt: greys-anatomy-recensione-16x07

Dopo aver chiarito la situazione, scopriamo subito cos’ha spinto Chris e Sabi a far visita a Webber, e cioè un mega tumore anche pericoloso nel petto della ragazza.

Sin da subito Maggie si è buttata nell’intervento convintissima di poterla operare senza problemi e, anche senza il consenso di Sabi, alla fine ha operato la cugina.

Ora arriva la morte e i pianti.

Mi aspettavo che qualcosa andasse male eh, ma giuro che ci sono rimasta davvero malissimo, soprattutto per la povera Maggie che si è trovata in panico e con le mani legate senza poter salvare la vita di sua cugina.

Quello che più mi ha fatto stare male è stato vedere Maggie crollare con Alex in quel ripostiglio, pensando al male che ha creato a Richard e Chris, soprattutto se pensiamo che aveva appena conosciuto due membri della sua famiglia, una dei quali ha dovuto salutare per sempre.

Continuiamo la recensione della 16×07 di Grey’s Anatomy parlando di:

OWEN E AMELIA

Nonostante non stiano più insieme, vi giuro che ho pianto.

I due come coppia mi sono sempre piaciuti, molto complessi ma davvero belli e questo episodio ha mostrato la loro bellezza dopo un periodo lunghissimo.

Non fraintendetemi eh, amo Link ed Amelia, ma c’è quella cosa che mi fa impazzire per Owen ed Amelia. Basta guardare il passato per vedere quanto erano belli e quanto emozionante fosse la loro storia d’amore, ti prendeva sempre più.

In questo episodio, infatti, Amelia si è finalmente decisa di dire la verità ad Owen e svelargli la bella notizia della gravidanza, notizia che Hunt non ha preso molto bene, come abbiamo potuto notare.

All’inizio il suo comportamento mi ha dato molto fastidio, anche se da una parte è capibile perchè comunque non è una notizia facile da digerire. Quello che più mi ha dato fastidio, però, è stato il suo atteggiamento con la paziente che voleva l’aborto.

Non sopporto quando Owen fa di tutto per convincere le persone a fare quello che vuole lui, il rifiutarsi di dare alla paziente ciò che voleva è stato un comportamento completamente sbagliato.

D’altro canto, però, devo dire che mi è dispiaciuto sentire Owen parlare ad Amelia del fatto che con lui non voleva bambini, perchè neanche lui ha tutti i torti perchè ha sofferto davvero tanto.

Sono contenta che i due alla fine abbiano chiarito, sono troppo belli per perdersi e, come ha detto Owen, sono una famiglia.

Ora ho veramente finito di scrivere questa recensione, ma non dimenticate di seguire la pagina Facebook per ogni aggiornamento!

Miriana

Miriana Zibardi, anche soprannominata Simba, amante folle di serie tv! Potrei stare al pc a guardarmi episodi da mattina a sera. Ecco la mia vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.