Crea sito
Grimm,  Recensioni,  Telefilm

Grimm – Recensione 6×10

Con qualche giorno di ritardo, eccomi finalmente a parlare dell’ultimo episodio di Grimm che ci porta dritto dritto verso gli ultimi tre episodi della serie: Blood Magic.

Innanzitutto voglio scusarmi per aver fatto passare fin troppi giorni prima di parlare con voi dell’episodio ma tra il lavoro e i miei mille impegni non sono riuscita a fermarmi un attimo per vedere e recensire l’episodio; mai come prima d’ora, questa gif mi rappresenta al massimo:

Lamentele a parte, cominciamo a parlare di Blood Magic, un episodio che ci porta avanti con la trama generale, che comunque a parer mio procede ancora troppo lentamente, e che vede l’intrecciarsi di due trame molto interessanti e che ci fanno fare la conoscenza di un Wesen particolare.

Partiamo con la trama principale, la quale sapete è la cosa a cui sono maggiormente interessata.
Tutto continua a ruotare attorno a quella figura scheletrica misteriosa e il suo altrettanto misterioso collegamento con Juliette, la quale sembra determinata a saperne di più e a liberarsene.
L’episodio si è concentrato molto su di lei, nonostante non siano stati esploranti i sentimenti che la legano ancora a Nick e che abbiamo visto -forse- riaffiorare anche in quest’ultimo nello scorso episodio, ci ha mostrato la sua determinazione e quella che ai miei occhi appare come la sua voglia di redenzione.
Ma cosa si cela davvero dietro questo mistero?
E dove è finita alla fine dell’episodio?
Ciò che sappiamo è che tutto ciò è collegato a quei simboli e probabilmente, al suo essere Hexembiest in quanto parte della soluzione le è stata fornita dai libri della madre di Adalind (e non dimentichiamo la sua “trasformazione” davanti allo specchio!)

Sono molto curiosa di sapere cosa si nasconde dietro tutto questo e spero che le cose comincino a prendere velocità dal prossimo episodio in poi, in quanto siamo davvero vicini alla fine ormai.

Parliamo poi della trama secondaria e del Wesen del giorno.
Tutto sembrava partito con uno dei soliti omicidi ma nel corso della trama vediamo compiersi un ulteriore omicidio, con un modus operandi completamente differente che ci fa presupporre che probabilmente siamo davanti a  due casi completamente diversi. Poco più avanti infatti, scopriamo che l’omicidio nella casa di riposo è stato compiuto da un Wesen particolare, un insetto gigante (che mi ricorda molto la professoressa nella 1×04 di Buffy l’Ammazza Vampiri) che e in realtà ha intenzione più nobili di quelle che immaginiamo.

A differenza degli altri Wesen che abbiamo visto sin ora infatti, questa mosca gigante uccide le sue vittime per porre fine alle loro sofferenze e soprattutto, per proteggere la propria specie.
Le vittime infatti sono sempre Wesen affetti da demenza senile e in genere, viene chiamato a svolgere il suo operato proprio dalle persone care di questo Wesen, tanto che veniamo a sapere che anche Rosalee e Monroe, se mai dovessero soffrire di demenza senile una volta diventati vecchi, hanno intenzione di richiedere il suo intervento.
Ho trovato abbastanza scontato e allo stesso tempo geniale il fatto che fosse proprio il medico della clinica ad avere questo ruolo.

Veniamo a scoprire, poco più tardi, che il responsabile dei terribili omicidi avvenuti ad inizio episodio è proprio un signore che soffre di demenza senile e che è collegata, in un certo senso, proprio a Rosalee e Monroe.
La scena tra questo signore e sua moglie è stata sicuramente la più toccante dell’intero episodio, tanto che sono riuscita a stento a trattenere le lacrime.
Ho apprezzato molto anche la decisione presa da Nick e co, passata da “fermiamo il suo operato” a “fai ciò che devi” in quanto, nonostante si tratti pur sempre di omicidio, era chiaro che l’uomo stesse facendo la cosa giusta, non solo per la comunità Wesen ma anche per le “persone comuni” che spesso sono vittime di ciò che quei poveri vecchietti non possono controllare e che, dato l’inspiegabilità della cosa, rimarrebbero senza giustizia oppure ancor peggio, finirebbero per incolpare qualche innocente.

In generale l’episodio mi è piaciuto e sicuramente la storia di questo Wesen è stata tra quelle che ho apprezzato maggiormente, anche per il modo in cui è stata intrecciata la trama; nonostante questo comunque spero di poter avere qualcosa di più nel prossimo episodio e spero che vengano esplorati come si deve anche i sentimenti di Nick, che sembrano tornati ad essere abbastanza confusi.
Voi cosa vi aspettate da questo imminente finale? E cosa ne pensate del modo in cui Grimm si sta avvicinando ad esso?
Fatemelo sapere lasciando un commento qui sotto oppure sulla nostra pagina Facebook, siamo curiosi di sapere la vostra!

Veronica.

Scrittrice, Blogger e telefilm addicted: un mix letale che fa di me il Big Boss delle Redheads Diaries.