Crea sito
iZombie,  Recensioni,  Telefilm

iZombie – Recensione 5×01

Ciao ragazzi e benvenuti in una nuova recensione di

iZombie

Ma quanto ci erano mancati i nostri ‘non-morti’ preferiti? E soprattutto, quando è triste che questo sia l’ultima season premierè dello show?

Bando alle ciance e tornando seri (anche se so che è difficile di fronte a questa consapevolezza), cominciamo a parlare di questo primo episodio della quinta stagione:

Thug Death

Comincio subito col dire che seppur l’episodio mi sia piaciuto l’ho trovato un inizio un po’ ‘sottotono’ rispetto al solito ma confido nel fatto che una partenza lenta non sia sinonimo di una brutta stagione. Dopo le quattro, meravigliose, stagioni che iZombie ci ha regalato, confido nel fatto che quello di questa settimana sia stato un episodio introduttivo che preannuncia un’ultima stagione col botto.

La stagione si apre sei mesi dopo il season finale della quarta stagione, facendoci ritrovare cose passate e facendoci scoprire novità, a partire dal frutto del regalo che Liv, generosa come sempre, a fatto al suo amico e collega, Clive.

Clive e Bozzio aspettano un bambino

Una svolta interessante, considerando che si tratta di una nuova vita che viene al mondo in una città di non-morti. Questo bambino potrebbe essere una sorta di ‘premonizione’ per la stagione, una sorta di equilibrio per Seattle che, seppur circondata dalla morte, è ancora in grado di dare la vita.

Inoltre, questo bambino è simbolo di speranza. Nato dalla cura che Liv ha ceduto alla coppia come regalo di nozze, potrebbe simboleggiare che c’è molto ancora per i non-morti, oppure potrebbe essere lui stesso la cura, magari in un modo meno cruento rispetto alla prima, dolorosa salvatrice di zombie.

Cosa me lo fa pensare?

Be’, come si è svolto l’episodio. Abbiamo visto la cura essere al centro di buona parte dell’episodio, con una nuova ricercatrice interessata alla cura per gli zombie, e la bugia che ha condiviso con Ravi per non condannare a morte 300 bambini. E qui mi chiedo, perché aprire questa storyline se non c’è possibilità di un altro tipo di cura? Sapevamo già che quella malattia era la chiave per curare gli zombie, e avrebbero potuto introdurre questa nuova ricercatrice in modo diverso ed invece, hanno deciso di farlo in questo modo, sottolineando che non hanno intenzione di usare quel tipo di cura e sono alla ricerca di qualcosa che non condanni a morte nessun innocente.

E se fosse questo? Magari il sangue del bambino può essere la cura? Oppure qualcosa nel suo cordone ombelicale… insomma, qualcosa di meno cruento del cervello. Pensateci, potrebbe avere senso, dato che sarebbe messo al mondo da una donna che precedentemente è stata una non-morta.

Blaine se la passa meglio di tutti!

Per il nostro cattivo preferito, le cose sembrano andare piuttosto bene. È ricco, ha cervelli a volontà, donne nel suo letto e potere: finisce persino sulle pubblicità di Youtube!

Un bel progresso rispetto alle scorse stagioni, soprattutto considerando che la sua attività ora è appoggiata dai nostri protagonisti e di conseguenze, non è più ‘il cattivo’. Certo, non ha perso la sua indole malvagia e continua a risolvere le cose a modo suo, ma in fondo è anche per questo che lo amiamo, no?

Al momento sembra abbastanza innocuo, almeno per i nostri ‘Liv & Co’ ma se avessi ragione e il figlio di Clive fosse davvero la cura o comunque, quando Ravi troverà la cura, sarà ancora così?

Tutti i suoi soldi ed il suo potere derivano dalla vendita di cervelli e se gli zombie smettessero di esistere, anche il suo impero crollerebbe. Qualcosa mi dice che la cosa non gli andrà molto a genio.

Il vero cattivo della stagione

Come vi ho già detto l’episodio è stato un po’ sottotono ma qualcosa mi dice che seppur forse non sia stato detto chiaramente, il grande cattivo della stagione sia già stato svelato.

L’odio che quella donna prova per gli zombie è qualcosa di pericoloso, che l’ha portata a fare una strage, facendo leva su un uomo distrutto, alla ricerca di vendetta per le sue figlie.

L’abbiamo vista fronteggiare Payton, urlando il suo odio in televisione e qualcosa mi dice che sia molto più pericolosa di quanto sembri. Voi cosa ne pensate? Che ci sia una nuova setta a Seattle?

Il mistero della donna uccisa dagli zombie

Il primo omicidio della stagione è quello di una donna, uccisa semplicemente perché ha tamponato l’auto di due zombie. Il tutto è stato ripreso ed ha alimentato l’odio degli umani, tanto che persino vendere cervelli è diventato più complicato. Qui, la mia teoria, si collega a ciò che ho scritto nel paragrafo precedente: non sono stati gli zombie ad ucciderla ma si è trattato di una messinscena per alimentare l’odio, cosa che ha funzionato piuttosto bene tra l’altro.

E se quella donna, così come il ‘kamikaze’ del furgone, avesse chiesto ‘un passaggio’ alla donna, dettata dalla sete di vendetta?

Ravi, Payton, Major e Liv

Parliamo poi dei nostri protagonisti che, fatta esclusione per Ravi, non hanno avuto ruoli particolarmente rilevanti nell’episodio.

Ravi è ‘in quei giorni del mese’, e sapete bene che si tratta del mio personaggio preferito, di conseguenza non ho potuto che apprezzare i suoi cambiamenti di personalità che mi hanno fatto sbellicare nel corso dell’episodio. Sono felice che stia ancora con Payton e le scene tra loro sono state esilaranti, anche se non vedo l’ora di vederne di nuove, in cui il nostro Ravi non è sotto l’influenza di qualche cervello.

Liv non ha avuto visioni o cambi di personalità, il che a dir la verità, un po’ mi è mancato ma so che abbiamo ancora diversi episodi per questo.

Major invece ha preso le redini della Filmore Graves e sta cercando di fare il contrario di ciò che faceva Chase: farsi amare da tutti. Ma considerando quanto sta accadendo a Seattle, dubito che ci riuscirà.

Abbiamo poi il discorso di Renegade e delle due ragazzine che sono state scoperte nel bagno… cosa accadrà al gruppetto in viaggio, secondo voi?

Fatemi sapere i vostri pareri lasciando un commento qui sotto. Io come sempre vi do appuntamento alla prossima settimana, sperando di riuscire a riportare in vita anche la rubrica ‘Brain Appètit’ (ricette permettendo all’interno dell’episodio), non mancate!

Veronica.

Scrittrice, Blogger e telefilm addicted: un mix letale che fa di me il Big Boss delle Redheads Diaries.