Crea sito
Articoli

L’attore, di 9-1-1: Lone Star, Ronen Rubinstein fa coming-out come bisessuale

Ronen Rubinstein era ansioso che la sua famiglia e i suoi amici guardassero il secondo episodio di “9-1-1: Lone Star”.

L’attore ha detto loro che avrebbe interpretando il figlio gay di Rob Lowe nello show della Fox, ma non era sicuro di cosa avrebbero pensato dell’incontro molto appassionato tra il suo personaggio, T.K. Strand, e il suo futuro fidanzato l’ufficiale di polizia Carlos Reyes, interpretato dall’attore apertamente gay Rafael L. Silva.

“Carlos e io abbiamo una scena enorme in cui, tipo, irrompiamo dalla porta e ci strappiamo i vestiti di dosso”, dice Rubinstein. “È molto intensa e va avanti. Semplicemente non si ferma. Ci stiamo sbattendo contro i muri e poi finiamo sul divano. Ho avvertito i miei genitori e i miei amici per mesi. Ho detto: “Ascoltate, capisco se voi ragazzi non volete guardarlo, capisco che probabilmente potreste dire qualcosa di veramente ignorante e di mentalità chiusa o semplicemente non vorreste guardarlo e lo capisco anche io.”

Alla fine, non importava quello che pensavano perché T.K. e Carlos sono stati un successo.

Non appena le clip della scena sono state rilasciate, i fan della serie drammatica, prodotta da Ryan Murphy, hanno chiamato la coppia “Tarlos“.

Per quanto la serie sia finzione, per Ronen Rubinstein stava accadendo qualcosa di molto reale.

L’attore 27enne si è trovato a fare i conti e ad accettare sentimenti che aveva represso per tutto il tempo.

“Mi identifico pienamente come bisessuale”, dice Rubinstein in un’intervista esclusiva su Zoom dalla sua casa nella zona di Los Angeles. “Ho letteralmente solo avuto la pelle d’oca a dirlo. È così bello parlarne, è così bello sentirsi finalmente a proprio agio. “

Rubinstein ha definito il suo risveglio “un viaggio” reso possibile dal suo lavoro di attore.

“La cosa più importante per me è da dove vengo, è come se le persone come me che si sono identificate come bisessuali o gay o come qualsiasi parte della comunità, semplicemente non siano le benvenute. È così brutalmente onesto “, dice. “O hai affrontato una quantità folle di parolacce, come se la parola F fosse sempre lanciata in giro o ti saresti preso a calci in culo se fossi gay. Quindi c’era decisamente una paura di accettare come mi sentivo. Ne ero decisamente più consapevole al liceo. Ero consapevole dei miei sentimenti e di come ho iniziato a guardare gli uomini, ma non potevo parlarne con nessuno. “

“I fan, in particolare i fan della Tarlos, sono uno dei motivi principali per cui finalmente mi sono sentito sicuro e a mio agio nel parlarne e finalmente abbracciarlo ed esserne felice”, dice Rubinstein.

Per rimanere sempre aggiornati con altre news continuate a seguire il nostro sito.

Nel frattempo potete seguirci sulle nostre pagine Facebook e Instagram.

Fonte: Variety

-Giusy

Sono una nerd a tempo perso, Star Wars e la Marvel sono la mia religione, ma non disdegno il DCEU. Mi riprometto di non iniziare mai serie tv senza aver finito quelle che sto guardando, ma fallisco sempre.