Crea sito
Orange is The New Black,  Recensioni,  Telefilm

Orange Is The New Black – Recensione 7×06

Buongiorno a tutti detenuti e detenute, bentornati ad una nuova recensione di Orange Is The New Black! Ormai ho capito che non c’è mai fine al peggio, ma questo non vuol dire che me ne sia fatta una ragione. Ciononostante, in questa 7×06 ho addirittura riso in un paio di scene, quindi la conto come una micro vittoria. Non possiamo permetterci di fare gli schizzinosi, visto l’andazzo di questa stagione. Btw, anche se sono grata per quei tre secondi e mezzo di tregua, ci sono ancora TANTE cose spiacevoli di cui dobbiamo discutere riguardo a Trapped in an Elevator, quindi iniziamo subito.

Di solito ne parlo sempre alla fine, ma stavolta inizierò proprio da loro, le Vauseman. Spero di essermi sbagliata, di aver avuto solo un’allucinazione perché io sinceramente non posso credere che Alex abbia veramente detto a Piper di cercarsi un’altra. E non solo le ha dato il via libera, la sta anche spingendo a cedere giocando sporco. WTF. I mean, posso capire perché lo ha fatto, BUT STILL. Non è passato così tanto tempo da quando sono separate, e non posso fare a meno di mettere in dubbio le sue motivazioni. Lo sta facendo solo per il bene di Piper? Non lo so, il fatto che abbia tirato fuori l’argomento proprio quando c’è la McCullough che ci prova spudoratamente è un po’ sospetto. Però anche pensare che Alex stia veramente prendendo in considerazione le avance della guardia che l’ha ricattata… Insomma, tutta la situazione mi ha lasciato abbastanza allibita.

Orange Is The New Black 7x06

Piper sarà pure rincoglionita, ma anche lei sa quanto pericoloso sia tutto questo. Tre anni sono davvero lunghi e a noi mancano sette episodi prima dell’addio: cosa diavolo succederà? NON mi toccate le Vauseman, vi prego.

Continuando sull’onda delle coppie, non posso non nominare Fig e Joe. In questa stagione mi stanno piacendo un sacco, e trovo incredibilmente adorabili i loro battibecchi, le frecciatine e le dinamiche del loro rapporto. Nonostante tutto fanno sul serio, e lo dimostra il fatto che entrambi si stiano impegnando per riuscire ad avere un figlio.

Proprio quando Caputo stava per entrare in sala operatoria, però, è successo qualcosa che non mi aspettavo per niente. Ha iniziato a ricevere “amore e supporto” dai suoi amici su Facebook, e inizialmente pensava che il motivo fosse l’operazione, ma poi una delle ex guardie del Litchfield, Charles Ford, gli ha inviato il link di un post di Susan Fischer, sempre un’ex guardia nella prima stagione, in cui lei lo accusa di molestie sessuali. Ora, io non mi ricordo cosa ho mangiato a colazione, secondo voi mi ricordavo di questo episodio? Il post però è chiaro: Caputo era interessato a Fischer, voleva conoscerla meglio ma lei ha rifiutato le sue avance; quando Joe ha capito che non sarebbe uscita con lui l’ha licenziata. Almeno, questo è quello che ho capito.

Per quanto ami Caputo, e anche se non si è mai imposto fisicamente, queste sono chiaramente molestie. Fischer ha perso il suo lavoro, la sua carriera ne ha sofferto, per non parlare di come l’intera situazione l’abbia fatta sentire. Aveva tutto il diritto di condividere la sua storia e sfogarsi. Sono contenta che abbiano deciso di trattare l’argomento: è bello vedere come movimenti come il #MeToo e il #BlackLivesMatter siano stati integrati nello show. Gli sceneggiatori stanno facendo veramente di tutto per far vedere i problemi reali e attuali degli Stati Uniti e del mondo in generale.

Luschek, comunque, rimane il solito idiota. Lo adoro, don’t get me wrong, ma il suo commento è abbastanza ipocrita, lui non dovrebbe proprio parlare.

Orange Is The New Black 7x06

E a proposito dei problemi degli USA, ecco che fa la sua comparsa Linda, stronza senz’anima che ha ben deciso di chiudere psichiatria per risparmiare soldi. La sua mancanza totale di empatia mi lascia interdetta tutte le volte, giuro. Non mi piace la violenza, ma a lei tirerei volentieri un bel cazzotto. Già che ci siamo che si mettano in fila anche Badison e Hellman.

Per fortuna ci sono Tamika e Fig, team di cui non sapevo di aver bisogno, che le tengono testa come possono. La nuova direttrice della prigione, infatti, ha accettato di fare la stupida intervista, ma in una silenziosa protesta dopo che Linda ha fatto l’ennesimo commento sui suoi capelli lei ha cambiato la sua acconciatura. E non solo! Quando l’intervistatrice le ha detto quanto la prigione avrebbe risparmiato chiudendo psichiatria, ha annunciato che tutti quei soldi sarebbero stati investiti nella prigione stessa. La amo. Spero riesca a fare tutto quello che ha in mente: i suoi metodi sembrano essere efficaci, e sicuramente meglio di ciò che c’era prima.

Ricordare gli errori di Caputo nel passato mi ha fatto apprezzare ancora di più come si sia sviluppato il suo personaggio. Nella scorsa stagione è stato al fianco di Taystee nel momento in cui ne aveva più bisogno, incoraggiandola e combattendo per lei, e quest’anno ha preso parte ad uno dei progetti di Tamika e sta aiutando diverse detenute a fare pace con il loro passato. L’esercizio che ha dato loro, quello di scrivere una lettera alla persona con cui non vorrebbero rimanere bloccate in un ascensore, è stato davvero utile soprattutto per Cindy e per Maria.

Cindy inizialmente è scappata dalla classe, ma Caputo è andato a cercarla, ha insistito e le ha detto esattamente quello che aveva bisogno di sentire e lei è tornata con una lettera che ha fatto piangere sia Maria che me. Pensavo l’avrebbe scritta a Taystee, ma è andata ancora più nel passato per chiedere scusa a sua madre e a Monica. Sono fiera di lei, sa di aver sbagliato e sta provando ad essere una persona migliore.

mood

La scena con Suzanne mi ha un po’ spezzato il cuore. È stata dolcissima, ma allo stesso tempo tristissima, perché potrebbero non vedersi più. Loro ne erano consapevoli, e si sono abbracciate e strette in un modo che ha parlato più di mille parole. E io, ovviamente, ero davanti allo schermo che piangevo e ridevo con loro. Spero che tutto vada per il meglio per Cindy, ma temo che la vendetta di Taystee possa complicare un po’ le cose. E a proposito: DAMN, THAT WAS MEAN! Però non la posso biasimare per aver cercato di vendicarsi del suo rilascio anticipato quando la sua “amica” l’ha condannata all’ergastolo. Erano quasi sorelle, e ora… che tristezza.

La lettera di Cindy ha aiutato un’altra detenuta: Maria. Si è sempre vista solo come una vittima, nonostante anche lei abbia fatto diversi errori in passato. Ha tradito il suo ragazzo e si è lasciata convincere a prendere parte ad una truffa che l’ha portata in prigione. Quel tizio potrebbe persino essere in vero padre ti Pepa, wtf. Sentire le parole di Cindy l’ha fatta riflettere, ed è riuscita a riappacificarsi con il suo (ormai ex) ragazzo, almeno fino a quando lui le ha detto che la sua nuova ragazza si chiama Maria. Quella scena è stata esilarante, btw.

Ed eccoci alla fine anche di questa recensione! Io scappo a vedere la 7×07 con molta cautela, dato che la mia partner in crime mi ha detto di prepararmi psicologicamente. Un po’ come per tutta questa stagione, insomma. Sarà proprio Sara a parlarvi di quel fantomatico episodio, quindi vi aspettiamo di nuovo qui con noi Redheads lunedì. Buon fine settimana gente!

Martina

Commenti disabilitati su Orange Is The New Black – Recensione 7×06

Vediamo cosa posso dirvi su di me. Studentessa di lingue? Probabilmente non vi interessa. 22 anni? Solo anagraficamente, dentro sento di averne come minimo 80. Telefilm addicted? Duh. Personaggi preferiti? Tutti al cimitero. Le mie ship? Never canon. Insomma, mai? 'Na gioia.