Crea sito
Orange is The New Black,  Recensioni,  Telefilm

Orange Is The New Black – Recensione 7×09

Ciao a tutti ragazzi e bentrovati in una nostra nuova recensione di Orange Is The New Black! Oggi parleremo della 7×09, un altro (non) episodio di questa strepitosa serie, il cui intento non è in nessun modo la sensibilizzazione dello spettatore, MA L’ANNIENTAMENTO. Alla luce di questa scoperta, vi invito a seguirci nel nostro viaggio attraverso questo The Hidey Hole, in italiano Il nascondiglio, perché se siete arrivati fino a qui, care amiche e cari amici, c’è una ed una sola verità: SIETE MASOCHISTI.

Cominciamo dalla nostra protagonista Piper, che oggi si è vista poco e niente, e in quel poco e niente ha condiviso l’aria con Zelda piuttosto che con Alex. Piper ormai sembra essersi adattata alla vita reale, quella dopo la prigione, e in questo episodio ha anche imparato a non vergognarsi del suo passato. Ha sbagliato e la sua pena l’ha scontata per intero, è inutile nascondere la testa sotto la sabbia. Purtroppo, Zelda è stata molto importante in questo passaggio.

Poi, una Piper entusiasta è andata da Alex a parlarle di quanto la sua voglia di sabotarsi la vita sia scemata, e lei pensava solo a quanto fosse cretina a farsela ancora con McCullough. Quando Alex ha alzato lo sguardo per guardarla stavo veramente per prendere a pugni lo schermo. Diciamo che con difficoltà capisco le ragioni per cui Alex tradisce Piper (cioè che le manca tantissimo). Tuttavia, che davanti a lei mi guardi l’altra no, non capisco, non comprendo, NON ACCETTO e MI RIFIUTO.

Proseguiamo la recensione di questo episodio di Orange Is The New Black con lei, la mia bambina perfetta: Nicky la meravigliosa Nichols. Always and forever #NICHORELLO, but Lorna sta andando sempre più fuori di testa e io voglio che Nicky sia felice. Shani sembra essere la formula giusta, ma anche la ragazza in passato ha sofferto tanto, troppo. Non vorrei parlare di questa parte di episodio perché sono ancora sconvolta e devastata ma purtroppo è giusto parlarne.

Sinceramente, prima di sentirla qui in Orange Is The New Black, non pensavo esistesse la mutilazione genitale femmine, ed è una cosa che al solo pensiero mi fa girare il sangue nelle vene. Vorrei fare un discorso concerto su un argomento del genere e su come questa violenza sia avvenuta, ma non mi viene nulla in mente se non ORRORE e SCANDALO. La cosa che più di tutto mi ha devastata è stata che Shani fondamentalmente stia vivendo quello che dovrebbe passare sua madre, se non peggio. Infatti, non è tra gente come Flores che quella pazza, psicopatica, criminale di sua madre dovrebbe stare. Dovrebbe essere gettata in una prigione di massima sicurezza senza la possibilità di uscire più.

Lentamente mi sto informando rispetto a questa pratica e più leggo articoli più mi spaventa il mondo in cui viviamo. Permettiamo davvero che tutto ciò accada? Sono davvero esseri umani come me che praticano questa atrocità a delle donne?

Secondo quanto riporta l’UNICEF:

Si stima che in nel mondo il numero di donne che convivono con una mutilazione genitale siano circa 125 milioni. Da questo dato possiamo calcolare che ogni anno circa tre milioni di bambine sotto i 15 anni si aggiungano a queste statistiche.
Gran parte delle ragazze e delle donne che subiscono queste pratiche si trovano in 29 Paesi africani, mentre una quota decisamente minore vive in paesi a predominanza islamica dell’Asia.

In alcuni Stati del Corno d’Africa (Gibuti, Somalia, Eritrea) ma anche in Egitto e Guinea l’incidenza del fenomeno rimane altissima, toccando il 90% della popolazione femminile. In molti altri, invece, le mutilazioni riguardano una minoranza – fino ad arrivare a quote dell’1-4% in paesi come Ghana, Togo, Zambia, Uganda, Camerun e Niger.

Si registrano casi di MGF anche in Europa, Australia, Canada e negli Stati Uniti, soprattutto fra gli immigrati provenienti dall’Africa e dall’Asia sud-occidentale: si tratta di episodi che avvengono nella più totale illegalità, e che quindi sono difficili da censire statisticamente.

Non servono ulteriori parole.

Passiamo a Caputo, che non vedo l’ora di vedere nei panni di un dolce papino. Lui e Fig, per un remoto ed improbabile caso, sono una coppia dolcissima e divertente che merita il meglio. Susan Fischer può aver mal interpretato diversi segnali di Caputo, ma a me non sembra proprio un uomo aggressivo o altro. Spero vivamente che la faccenda si risolva e che Caputo e Susan si possano stringere la mano e capire che le loro erano soltanto incomprensioni. Cercare di diventare papà con un’ordinanza restrittiva a carico non è esattamente il massimo.

DAYA INFAME PER TE SOLO LE LAME.

Una partenza sobria per un argomento che mi sta molto a cuore. Un professore bravo come quello che era capitato a massima sicurezza era impossibile da trovare, e Diaz per i suoi sporchi comodi lo ha fatto scappare a gambe levate!
Il personaggio che ha fatto l’involuzione più assurda nella serie è andato ad intaccare quella che più di tutti si è impegnata per migliorarsi: Doggett. Quella ragazza aveva veramente ritrovato la passione per lo studio e la forza di rimettersi in gioco grazie a quel professore e Daya è dovuta andare lì non solo a disturbate la lezione, ma anche a distruggere un castello che Tiffany con fatica stava mettendo su.

Ci sono rimasta malissimo. Diaz sembra la classica bulletta della classe il cui unico intento è frantumare le balle di fieno alla povera gente che è lì per imparare e che non vuole più essere una scarpa come Daya. Nel caso in cui Doggett molli, non passi il test o le succeda una virgola che possa compromettere il suo futuro potrei veramente non rispondere più di me. Di ingiustizie in questa serie ne abbiamo viste a fiotti, Doggett merita una gioia, se la merita con tutto il cuore.

Fulcro dell’episodio è stata Lorna. Infatti, abbiamo imparato a vedere la sua vita prima della prigione e le terribili vicende che le sono accadute e che ha provocato. Diciamo che abbiamo afferrato a pieno perché sia così fuori di testa: di certo non era sana prima di provocare quell’incidente, ma dopo le cose sono colate a picco. Come Diaz, il ragazzo che ha marcato stretto Lorna è un demente. Costui deve capire che pure se lei ha fatto sesso 99 uomini e lui è il centesimo, NO È NO. E non c’è da urlare, non c’è da dire, non c’è da fare, c’è da ACCETTARE. E non accettare e basta, ACCETTARE SENZA FIATARE, perché NO è NO. Chiaro? Bene, ora possiamo proseguire. 

Lorna era chiaramente invidiosa di quella coppia di sposini, glielo si leggeva in faccia, ma abbiamo visto come  si sia controllata e non abbia inventato storie ridicole come fa di solito. Mi ha spezzato il cuore vederla completamente fuori di sé a vagare per la città, addirittura arrivare alla terrazza dove la dolce coppietta doveva sposarsi. Incosciente, con il trucco calato e la pelliccia sporca di sangue, torniamo all’inizio di questa recensione e ricordiamo che questo è un (non) episodio. Per concludere anche lo spazio dedicato a Lorna, diciamo che non ho capito cosa stia facendo, dove stia scappando o perché si è tolta le scarpe, ma ho capito perfettamente la fitta al petto che mi è presa quando ho visto lo schermo arancione.

Prima di passare al prossimo argomento, lasciatemi dire che nella mia vita tutto pensavo ma non di provare pena per Vinnie. Aspettavo il giorno della loro rottura da non so quanto tempo, ed adesso che l’ho quasi ottenuta mi rendo conto che darei qualunque cosa per tornare indietro e azzerare le sofferenze di entrambi.

Here we are, siamo arrivati a parlare del nostro ultimo argomento, quello che mi ha lacerato l’anima (tanto per cambiare). Taystee e Cindy, un dinamico duo che da sempre è motivo di tante risate, ma che al momento fa solo piangere. Io AMO follemente Taystee, ma quella lettera proprio non l’ho capita. Io capisco vendicarsi, ottenere giustizia, tutto, ma che cosa c’entrava la figlia di Cindy? Cindy ha ferito Taystee e solo Taystee, lei ha distrutto tutta la famiglia, tra cui una bambina innocente che non ha veramente fatto nulla.

Devo ammetterlo, Taystee mi ha delusa immensamente, ma devo ammettere che gli abbracci con Caputo, i loro discorsi mi hanno sciolto. Tra la Ward e Caputo, Taystee DEVE tornare a sperare che ci sia un dopo dopo la prigione, deve credere in una vita migliore. Per quanto al momento io sia un po’ arrabbiata con lei, pretendo che si riprenda. Questo non è un mio desiderio, è una mia necessità fisica e morale, quindi DATEMELA STA GIOIA.

Comunque, vedere Cindy andarsene di casa in quel modo mi ha veramente uccisa. Stava facendo tutto più che bene, si stava occupando della sua famiglia nel modo giusto, si è organizzata dei colloqui e ha ottenuto quel lavoro con le unghie e con i denti, ma alla fine la lettera ha raso al suolo ogni singola cosa. NON CE LA POSSO FARE.

Bene ragazzi, siamo arrivati davvero alla fine. Prima di abbandonarvi, lasciatemi dire che che Flores e la sua nuova amica sono dolcissime. A proposito di quest’ultima: vi pare giusto che io debba soffrire pure per l’ultima arrivata? Le stanno togliendo i figli e alle guardie non frega NIENTE, NADA DE NADA. Ho visto la sofferenza di Blanca per la sua amica, lei si è anche impegnata a cercare un modo di farla presenziare all’udienza, ma purtroppo il tutto non è servito.

Bene ragazzi, anche per questa recensione è tutto. Lascio la parola a Martina, la mia formidabile partner in crime, che si fa il mazzo perché prima recensisce i suoi episodi e poi viene a correggere i miei.

Sara

Commenti disabilitati su Orange Is The New Black – Recensione 7×09

Ciao a tutti! Sono Sara, il Braccio Destro dei Redheads Diaries, vivo a Roma e, come potete immaginare, sono una telefilm addicted. Le mie serie preferite sono, Game of Thrones, Blindspot, This is us e talmente tante altre che sono impossibili da elencare. MIO MARITO È CISCO RAMON!