Crea sito
Oscars 2021
Articoli

Oscars 2021: il talento delle donne riesce a trionfare

Oscars 2021, durante la cerimonia sono state premiate davvero molte donne rispetto al solito che, grazie ai propri lavori, hanno dimostrato di avere un talento eccezionale.

Oscars 2021

Chloé Zhao è diventata la seconda donna nella storia degli Academy Awards a essere stata nominata miglior regista agli Oscars 2021 di quest’anno a Los Angeles.

La Zhao con questa vittoria ha consolidato il proprio dominio in questa stagione di premiazioni dopo essersi aggiudicata altri premi ai Golden Globe e ai BAFTAs.

Nata a Pechino, la Zhao ha studiato nel Regno Unito e negli Stati Uniti da adolescente prima di trasferirsi definitivamente in America per il college. Nomadland è il suo terzo film, dopo Songs My Brothers Taught Me (2015) e The Rider (2017) ed entro la fine dell’anno uscirà Eternals, un film di supereroi Marvel con Angelina Jolie e Richard Madden.

Il premio le è stato consegnato virtualmente da Seoul dal vincitore dello scorso anno, Bong Joon-ho di Parasite.

Ricevendo il premio la Zhao ha ringraziato l’Accademia, i suoi colleghi candidati e tutta la sua compagnia su Nomadland. Ha detto di aver pensato molto di recente a come andare avanti quando la vita è dura e ha ricordato un gioco che era solita fare con suo padre e che consisteva nel memorizzare poesie classiche.

Una frase le è rimasta in particolare:

Le persone alla nascita sono del tutto buone.

In merito l’attrice ha dichiarato quanto segue:

Quelle sei lettere hanno avuto un impatto così grande su di me e ci credo ancora davvero anche se potrebbe sembrare il contrario. Questo è per chiunque abbia la fede e il coraggio di aggrapparsi alla bontà in se stessi e negli altri. Questo è per te; mi ispiri ad andare avanti.

Nomadland, basato sul libro di saggistica di Jessica Bruder, Nomadland: Surviving America in the Twenty-First Century, racconta la storia di una donna che perde il lavoro in Nevada e lascia la casa per viaggiare in giro per il paese in cerca di lavoro.

La regista cinese oltre ad essere la seconda donna in assoluto a vincere per la regia, dopo Kathryn Bigelow che vinse per The Hurt Locker nel 2010, è anche la prima donna che ha ricevuto quattro nomination in un solo anno; è stata nominata infatti nelle categorie di montaggio, sceneggiatura adattata, regista e miglior film. Il film è poi stato anche nominato per la cinematografia.

E sempre una donna asiatica ha fatto la storia agli Oscars 2021.

Oscars 2021

Yuh-Jung You, star di Minari ha vinto come migliore attrice non protagonista diventando così il primo attore o attrice coreano a vincere un Oscar nei 93 anni di storia degli Academy Awards.

L’attrice 73enne ha affermato quanto segue nel discorso di ringraziamento:

Di solito, quando vivo dall’altra parte del mondo, guardo solo la televisione e c’è l’Oscar. Ma io, essere qui, me stesso. Non posso credere di essere qui. OK, lasciate che mi rimetta in sesto.

Nel ringraziare la famiglia di Minari, ha chiamato il regista Lee Isaac Chung “il mio capitano”, e ha scherzato sui suoi colleghi nominati, “sono più fortunata di te”, attribuendo all’ “ospitalità americana” la vittoria con grandi risate.

Ha poi mostrato il trofeo che ha dedicato al suo primo regista, Kim Ki-young, e ha parlato dei suoi due figli, che “mi hanno fatto lavorare”, aggiungendo:

Questo è il risultato. Perché la mamma lavora così duramente.

Quando è salita per la prima volta sul palco, la Youn ha condiviso la pronuncia corretta del suo nome (“Stasera, siete tutti perdonati”, ha osservato) e ha ringraziato il presentatore Brad Pitt, la cui società, Plan B, ha prodotto il film:

Signor Pitt, finalmente. Piacere di conoscerla. Dov’eri mentre giravamo di persona?

L’ha accompagnata nel backstage dopo il suo discorso dove l’attrice ha rilasciato delle dichiarazioni ai giornalisti in merito all’introduzione dell’attore:

Potrei dire che si è esercitato molto. Non ha pronunciato male il mio nome. Nel momento in cui sono arrivata, ho dimenticato quello che dovevo dire.

Ha anche detto quanto segue quando le è stato chiesto del raccontare storie diverse:

È molto bello capirsi. Dovremmo abbracciarci. Le persone [non dovrebbero essere] classificate, non è un bel modo per dividersi. Se mettiamo insieme i colori diventa tutto più bello. Anche un arcobaleno ha sette colori.

La Youn, candidata per la prima volta all’Oscar, ha dominato la stagione dei premi dell’era COVID di quest’anno, facendo anche la storia ottenendo trofei ai recenti SAG Awards e BAFTAs.

Minari, un dramma su una famiglia di immigrati coreani in America, è stato nominato in sei categorie e la Youn, una leggenda del cinema coreano, gioca un ruolo fondamentale nel film nei panni della nonna non convenzionale, Soonja, che sta visitando la sua famiglia in Arkansas dalla Corea.

Ho attraversato molte difficoltà nella mia vita, quindi mi sono sentita come se non fosse niente. Sto solo interpretando qualcun altro. Anch’io sono diventata una donna molto audace.

La Youn, naturalmente, ha anche notato il potenziale rivoluzionario della sua nomina, che è stata anche storica e l’ha dichiarato anche a Giuliana Rancic di E!:

In Corea, sono la prima candidata agli Oscar quindi è un momento storico per noi, siamo molto emozionati. È molto strano per me, in realtà.

Oscars 2021

Concludo l’articolo di oggi parlando di Mia Neal e Jamika Wilson che sono diventate le prime donne di colore a vincere per il miglior trucco e parrucco agli Oscars 2021 grazie al proprio lavoro in Black Bottom di Netflix.

Ecco le dichiarazioni della Neal:

Sono qui, mentre Jamika e io rompiamo questo soffitto di vetro, con così tanta eccitazione per il futuro.

La Neal, il capo dipartimento, e la Wilson, hair stylist personale di Viola Davis, hanno vinto per il loro lavoro nel film su una delle poche interpreti di colore apertamente lesbiche in America negli anni ’20.

La Neal, che ha anche disegnato le parrucche di Oprah Winfrey per The Immortal Life of Henrietta Lacks del 2017, ha creato parrucche per Black Bottom di Ma Rainey in meno di tre settimane, sulla base delle meno di 10 fotografie che esistono della leggendaria “madre del blues”.

E la Neal ha dichiarato quanto segue, come è giusto che sia:

So che un giorno non sarà insolito o rivoluzionario, sarà solo normale” per le donne di colore, le transessuali e le latine vincere gli Oscars, ha detto Neal.

Anche la costumista del film, Ann Roth, 89 anni, è entrata nella storia come la donna più anziana ad aver vinto un Oscar.

Black Bottom di Ma Rainey, diretto da George C. Wolfe, è stato nominato per cinque Academy Awards, incluso quello come miglior attore per il compianto Chadwick Boseman.

Queste vittorie sono la dimostrazione che l’universo cinematografico e, di conseguenza, il mondo intero in ogni suo ambito non solo hanno bisogno di cambiare ma che stanno già mutando in una maniera più inclusiva, finalmente.

Si spera che questi siano solo passi di un qualcosa di una portata inarrestabile di cui abbiamo bisogno tutti.

Il mondo ha bisogno di essere inclusivo e, ribadendo ciò che ha affermato anche la Youn durante gli Oscars 2021, un arcobaleno attinge la propria bellezza dalla varietà dei colori che lo compongono ed a questa bellezza deve puntare anche la Terra in cui viviamo.

Per conoscere tutti i vincitori di tutte le altre categorie vi rimando all’articolo della nostra Giusy.

Irene

Fonte: The Guardian & The Hollywood Reporter

Salve, sono Irene e non ho mai amato definire la mia persona e ciò che faccio. So solo che ciò che viene scritto, nel momento stesso in cui viene composto, non è più solo mio ma anche di chi legge. Sono curiosa di sapere in che modo lo sarà. Meglio nota come vulcano d'idee o l'Arti(coli)sta per un chiaro e semplice motivo: la scrittura è il mio elemento, l'arte che mi scorre nelle vene, il modo più realistico e spontaneo che ho di vivere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.