Crea sito
Articoli,  Telefilm

Stranger Things: i protagonisti definiscono la seconda stagione “più dark e horror della prima”

LA SECONDA STAGIONE DI STRANGER THINGS ANCORA PIU’ DARK E HORROR

Prima che arrivasse 13 Reasons Why, era Stranger Things la serie più discussa di Netflix. La prima stagione è stata un vero e proprio successo, anche grazie al talento straordinario del piccolo cast. Ha alternato momenti di puro angst con scene divertenti, e ci ha fatto vedere come sia la vera amicizia.

Risultati immagini per Stranger things gif

Tutti quelli che l’hanno vista stanno aspettando con impazienza la seconda stagione, che tornerà ad ottobre e a quanto pare sarà molto più horror e dark della prima. Infatti, i giovani protagonisti di Stranger Things sono stati recentemente intervistati da People Magazine, e sono riusciti ad esprimere la loro opinione sullo show.

In particolare, Gaten Matarazzo (Dustin) ha dichiarato:

La cosa fantastica della seconda stagione è che i personaggi vengono approfonditi singolarmente. Scoprirete come quello che sta accadendo si ripercuote sulle loro vite. Sono tutti molto spaventati. Si sentono soli perché il loro miglior amico è tornato ma non si comporta più come tale. E’ cambiato.

Mentre Finn Wolfhard (Mike) ha detto:

I personaggi dovranno affrontare autentiche sfide. Questa stagione sarà molto più buia e orientata sull’horror. Penso che le persone l’ameranno ancora più della prima.

Non so voi, ma io non sto più nella pelle. Questo telefilm è un vero capolavoro, e Millie Bobby Brown, Finn Wolfhard, Gaten Matarazzo, Noah Schnapp e Caleb McLaughlin insieme al resto del cast lo hanno reso ancora più speciale.
Vi lascio qui sotto il video realizzato in occasione del loro shooting fotografico per People Magazine. Questi bambini sono semplicemente adorabili.

– Martina.

Commenti disabilitati su Stranger Things: i protagonisti definiscono la seconda stagione “più dark e horror della prima”

Vediamo cosa posso dirvi su di me. Studentessa di lingue? Probabilmente non vi interessa. 23 anni? Solo anagraficamente, dentro sento di averne come minimo 80. Telefilm addicted? Duh. Personaggi preferiti? Tutti al cimitero. Le mie ship? Never canon. Insomma, mai? 'Na gioia.