Supergirl – Recensione 4×01

Supergirl è tornata più in forma che mai, anche se devo dire che nell’insieme questa premiere sotto certi versi mi ha fatto storcere il naso. L’assenza di Winn è un grosso macigno sul cuore per noi fan della serie. Per quanto possa aver gradito Brainy durante la scorsa stagione, vederlo ora nel ruolo di sostituto non mi ha fatto impazzire, vi posso tranquillamente dire di aver provato le stesse emozioni di Alex.
A proposito di quest’ultima, ma quanto è figa con il nuovo taglio di capelli???

 

Cerchiamo di entrare subito nell’analisi delle emozioni che questa puntata ci ha regalato. Direi di partire con la nostra eroina bionda che a quanto pare ultimamente sta svolgendo gli straordinari anche per coprire la temporanea assenza del cugino Clarke. Anche stavolta il suo esagerato ottimismo l’ha spinta a piazzarsi davanti ai suoi splendidi occhi azzurri, due grandi prosciutti San Daniele impedendole di percepire l’odio che gli umani fomentano da quando gli alieni vivono tranquillamente insieme a loro, cosa che invece hanno subito capito J’onn e la sua amica Fiona, specialmente ascoltando le parole degli stessi alieni durante le riunioni.
Supergirl non è riuscita a convincersi neppure quando al Dottor Vose sono state tagliate entrambe le zanne. Bella mia, se questa non è cattiveria!

Ha dovuto sbatterci la faccia dinnanzi alle prove trovate “sul posto di lavoro” dei due fratelli responsabili dell’attacco. A tal punto colta dallo sconforto ha chiesto aiuto a J’onn, diventato ormai un messaggero di pace. Non condivido in pieno il suo nuovo stile di vita, al posto di Kara gli avrei mollato una testata, ma vabbè… magari più avanti il marziano si riprende.
Anche senza il suo appoggio, la ragazza riesce comunque a salvare più o meno la situazione grazie alla DEO.

Otis viene catturato, anche se era tutto calcolato, considerando che ora tutti sanno che il Presidente è alieno!
La sorella in fuga, alla faccia del fratello idiota che ha scelto di farsi “arrestare” per seguire il loro piano malefico, sta continuando a tramare con il suo capo che si definisce “Agente della Libertà” dopo aver ucciso Fiona. Per il momento questi villain non mi convincono per niente.

Nonostante Brainy sotto il nome di Agente Dox abbia svolto un ruolo fondamentale per la missione di Supergirl, non possiede la simpatia e le doti da nerd di Winn. Non sarà mai in grado di sostituire un personaggio così grandioso e dal sorriso che scalda il cuore. Come già sottolineato in precedenza, mi sono trovata dalla parte di Alex, istinti di violenza compresi.

Sì, io sono colei che sin dalla prima sua apparizione ha speso parole di elogio nei suoi confronti, ma stavolta ho percepito i suoi comportamenti forzati. Cercare di diventare Winn non è la buona strada da seguire, mentre ascoltare il “capo” lavorando sulla comunicazione è utile per imparare a conquistare tutti.

Ora voglio parlare di Lena e voglio essere totalmente sincera con voi, mi fa paura!
Mi sembra di vedere un qualcosa già visto e rivisto troppe volte in questo tipo di serie tv. Il lato oscuro prima o poi prenderà il sopravvento e quando succederà saranno ca**i amari. Lex e Lilian messi insieme sembreranno state brave persone rispetto alla furia che prima o poi scatenerà Lena.

Il modo in cui ha rigirato sua madre ha messo in risalto il suo essere una “Luthor” anche se per il momento ha agito in buona fede per proteggere James. Ora non credo lascerà perdere il Procuratore sino a quando non arriverà ad ottenere totalmente quello che vuole.

In tutto il trambusto abbiamo avuto modo di conoscere la talentuosa reporter raccomandata da Cat Grant.

Che dire? Effettivamente sembra la Kara della prima stagione con tutte le insicurezze e il talento racchiuso in un pacchetto. Mi ha fatto una buona impressione e spero non la facciano fuori.

Gli ultimi istanti della puntata mi hanno ricordato cosa avevamo visto nel finale della scorsa stagione. La parte “evil” di Kara scissa da quella buona che tanto mi aveva scosso e allo stesso tempo emozionato perché supponevo sarebbe stata il vero nemico della stagione da subito. Ora ho le idee piuttosto confuse e sono piena di domande al quale spero di trovare presto delle risposte.

 

 

-Marta

Precedente Blindspot – Recensione 4×01 Successivo Anna Todd cancella l'evento alla fiera del libro di Francoforte a causa di accuse sessiste