Supernatural - Recensione 15x12, Galaxy Brain
Recensioni,  Supernatural,  Telefilm

Supernatural – Recensione 15×12, Galaxy Brain

Bentornati ad una nuova recensione di Supernatural, stavolta parleremo del dodicesimo episodio della quindicesima stagione, Galaxy Brain, in cui abbiamo visto il ritorno di ben due personaggi, che ci hanno portato delle notizie a dir poco sconvolgenti.

Supernatural - Recensione 15x12, Galaxy Brain

Supernatural - Recensione 15x12, Galaxy Brain

Supernatural - Recensione 15x12, Galaxy Brain

Vi va di parlarne meglio, però?

Il piano finale di Chuck

In quest’episodio, Chuck ha dato inizio al suo piano di distruzione dell’universo, facendo tabula rasa di tutti gli universi alternativi a quello dei nostri Winchester, a cominciare da Terra – 2, che sembrava tanto un rimando a Arrow, sino ad arrivare al cosiddetto Bad Place della Kaia Oscura. Chuck ha spiegato che non gli serve altro, se non i due fratelli della nostra Terra, che lo sfidano, deludono e sorprendono. A questo punto mi sono chiesta se non potesse quindi smettere di mettere loro i bastoni fra le ruote, dato che li ama tanto, ma poi mi sono ricordata che ormai Chuck gli ha dichiarato guerra e non credo che tornerà indietro da questa decisione.

Nel frattempo, è tornato fra di noi un Jack senz’anima sotto la protezione di Merle, che svolge il lavoro di Morte mentre lei è occupata. Anche in quest’episodio, non ho potuto fare a meno che guardarlo con gli occhi a cuore come se fosse anche mio figlio, perché a volte è davvero di una dolcezza disarmante.

Il ritorno di Kaia

A proposito di Jack, sarà grazie a lui che riusciranno ad aprire il varco per tornare nel Bad Place. Il motivo è che Kaia Oscura ha rivelato a Jody e ai Winchester che la vera Kaia non è morta, bensì è rimasta in quel luogo per ben due anni e ora che sta morendo, devono andare a riprenderla. Devo dire che questo mi è un po’ dispiaciuto perché ha tolto autenticità a una morte che, sebbene fosse stata gratuita, era stata molto toccante, ma è stato bello rivedere Kaia. Ad ogni modo, Jack ha coinvolto Merle con l’astuzia perché li aiutasse a non farsi scoprire da Chuck mentre aprivano il portale per poi lasciare che i Winchester e Kaia Oscura salvassero quella vera. Tutto va secondo i piani per una volta e riescono a riportare nel loro mondo Kaia, mentre l’altra decide di rimanere a morire nel posto che per lei è sempre stato casa (sì, me l’aspettavo, ma ci sono rimasta comunque male).

Il momento finale in cui Kaia ringrazia tutti i nostri protagonisti mi ha un po’ commossa, lo ammetto, perché lo sguardo dei suoi occhi faceva trapelare davvero gratitudine e riconoscimento.

Dopo le varie chiacchierate fra Jody, Castiel e Kaia, adesso mi aspetto di rivedere Claire che riabbraccia Kaia in uno dei prossimi episodi (datemi una gioia).

Quando Morte ti viene a cercare

Arriviamo ora al momento più entusiasmante di Galaxy Brain: il ritorno di Billie. Oltre a biasimare Jack e uccidere Merle, Billie racconta anche che i Winchester e Jack avranno un ruolo molto importante nell’uccisione di Dio. Ma non è tutto. Dio può essere ucciso, perché quando ha creato il mondo ha dovuto inserirsi nella grande cornice per equilibrare il cosmo in modo che potesse andare avanti anche senza di lui e per questo, c’è un libro nella libreria di Morte anche per lui stesso. Questo è un colpo di scena a cui non avevo pensato e mi ha lasciata a riflettere su cosa potrebbe essere scritto in quel libro di veramente affascinante che riguardo il finale della serie, probabilmente.

Voglio parlare del fatto che abbiamo visto un flashback di Morte in cui diceva a Dean che prima o poi avrebbe mietuto anche Dio? Me n’era completamente dimenticata! È stato bello rivederlo, perché mi è sempre piaciuto il modo in cui il primo Morte è stato raffigurato, con quell’alone di mistero attorno a quella figura apparentemente inoffensiva.

Vi lascio con il promo del tredicesimo episodio di questa stagione, intitolato Destiny’s Child:

Qualora vi foste persi le recensioni degli episodi precedenti, potete trovarle qui. In attesa della prossima volta, fateci sapere la vostra riguardo a Galaxy Brain lasciando un commento qui sotto oppure sulla nostra pagina Facebook.

Alla prossima!

Erica

Scrittrice, serializzata e lettrice accanita.