Crea sito
Chilling Adventures of Sabrina,  Recensioni,  Telefilm

The Chilling Adventures of Sabrina – Recensione 1×04

Bentornati nelle recensioni de “The Chilling Advetnures of Sabrina” lo show più dark dell’ultimo periodo, è Irene che vi scrive oggi, colgo l’occasione per chiedervi scusa per la mancata recensione della 1×04 di giovedì scorso ma per cause di forza maggiore non ho proprio potuto scrivere ma non temete, mi farò perdonare immediatamente.

Il quarto episodio è sicuramente ricco di novità interessanti dato che Sabrina è entrata in Accademia per la prima volta e si è ritrovata a dover affrontare il famoso Tormento da parte delle Sorelle Fatali, la scoperta delle morti di bambini proprio a causa del Tormento, l’arrivo di Nick che ha già conquistato il cuore di molte, la consegna del diario del padre Edward e la risoluzione dello Schema di Acheronte che a fine episodio ha fatto comparire un essere demoniaco, a quanto pare, che ha terrorizzato la nostra protagonista. Nel corso dell’episodio abbiamo anche scoperto che Ambrose si è preso una cotta per l’affascinante Luke e ci siamo davvero preoccupate per la sua sorte quando abbiamo visto comparire prima uno Psicopompo e poi un altro, per non parlare delle doppia preoccupazione causata dall’allontanamento di Hilda durante la proiezione astrale e dall’arrivo della signora Wardwell che è entrata nella stanza di Sabrina per stabilire un contatto ed un legame magico ancora più forte e, sicuramente, l’incantesimo praticato sullo specchio è stato un colpo di genio, di sicuro abbiamo una strega molto potente da fronteggiare e chissà cosa succederà nei prossimi episodi ora che Sabrina e la sua cara “prof” sono a stretto contatto, Sabrina se ne accorgerà? Beh…credo proprio di si, per quanto la Wardwell abbia potuto cancellare la traccia magica Sabrina è pur sempre una Spellman e una Spellman difficilmente viene controllata.

Padre Blackwood è di sicuro uno dei personaggi più meschini e falsi dell’intero show, il suo unico scopo era far entrare Sabrina in Accademia e ora che, in un certo senso, è riuscito nel suo intento e in quello del Signore Oscuro, io continuo a ripetere che qui si sta confondendo il satanismo con la magia, le mie colleghe ed io stessa abbiamo già parlato dell’argomento ma ci tengo a sottolineare che le streghe non dipendono da Satana o da un Signore Oscuro, il satanismo e la stregoneria non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altra e questa confusione non fa bene, credo che il motivo per cui abbiano voluto inserire un uomo come essere predominante per contrapporre la forza delle donne e, quindi, per far vincere il femminismo nel senso che nessun uomo può pensare di poter sottomettere al proprio volere una donna solo perchè ritenuta un essere inferiore quando in realtà sappiamo bene che non è così. Mi si è formulata quest’idea grazie ad alcune battute di Padre Blackwood e della Wardwell proprio in merito agli argomenti uomo, donna, sottomissione e dolore e sono sempre più convinta che l’inserimento di un Signore Oscuro sia proprio dipeso da ciò.

La vera domanda è: chi riuscirà a rendere Sabrina un’arma infernale? La Wardwell o Blackwood? (Ma, soprattutto, qualcuno ci riuscirà?)

Devo dire che io amo alla follia la Wardwell, mi rapisce in ogni singola scena, con ogni movimento, ogni passo, ogni sguardo e ogni parola, per il ruolo che ha dovrei odiarla e volere che sparisca dalla vita di Sabrina e invece non riesco totalmente a farlo…e in questo è assolutamente straordinaria l’attrice che interpreta il suo ruolo, è totalmente perfetta, è un serpente incantatore, sta muovendo le sue spire per catturare Sabrina e sta sicuramente usando le carte giuste. Avrei un confronto da fare ma evito perchè altrimenti rischierei di spoilerarvi e non posso farlo dato che mi sto occupando della recensione della 1×04 ma, tranquilli, nell’ultima recensione darò sfogo a tutto ciò che sto pensando dato che sarò proprio io a chiudere il cerchio della prima stagione e non vedo l’ora, letteralmente, perchè un uccellino mi ha fatto sapere che l’ultimo episodio ci regalerà dei momenti “particolari”…non aggiungo altro.

Così come Zelda penso sia assolutamente inaccettabile il fatto che delle streghe facciano del male ad altre streghe e infatti le care Sorelle Fatali non sono minimamente vicine a come le streghe dovrebbero essere, discriminano Sabrina perchè è una mezzosangue e, ovviamente, i riferimenti ad Harry Potter non si stanno minimamente sprecando, e, per di più, si permettono di volerla uccidere quando credo sappiano cosa abbia in mente Padre Blackwood per lei, insomma, l’ha affermato proprio lui, il Signore Oscuro vuole che Sabrina frequenti l’Accademia ma non sta scritto da nessuna parte che non debba soffrire nel mentre…non penso che il suo scopo finale sia ucciderla ma traviarla per poi consegnarla al Signore Oscuro come una vera arma infernale e diciamo che nel processo vuole comunque che soffra l’indicibile ecco perchè non accetta che una strega con il sangue metà umano possa sconfiggere tre streghe potenti e istruite come le Sorelle Fatali che, come abbiamo visto, hanno fatto fare una brutta figura al lato oscuro, ovviamente ma fortunatamente per la nostra Sabrina che ha deciso di intraprendere la via della Luce e quella della Notte.

Arrivando ad Harvey e Sabrina devo dire che mi sono totalmente innamorata di loro, sono assolutamente perfetti insieme e sono teneri e innamorati, si aiutano a vicenda e si completano, si sostengono e supportano e sono davvero l’uno l’ancora dell’altra. La scena al telefono mi ha sciolto il cuore, si vedeva che avevano bisogno l’uno dell’altra.

La scena finale mi ha totalmente rapita e si, mi ha fatta urlare come Sabrina, vedendo il disegno sul diario di Edward Spellman ho subito capito che lo Schema si sarebbe risolto senza l’utilizzo della vista e, infatti, così è stato, Sabrina ha risolto l’enigma facendo aprire lo Schema dal cui interno è fuoriuscita una polvere rossa che, scommetto, abbia evocato qualche demone infernale ma staremo a vedere.

La scena in cui Sabrina è costretta a non girarsi indietro per non morire nel corso del Tormento mi ha distrutta ma abbiamo potuto vedere tutta la forza e la tenacia della ragazza che si è dimostrata fragile ma assolutamente potente proprio come nella scena in cui ha affrontato insieme ai bambini le Sorelle Fatali, in quel momento abbiamo visto pienamente la dualità di Sabrina che tende la mano a Prudence, simbolo di misericordia, pietà e Luce e che non perde tempo nel minacciarla in modo calmo ma glaciale e pericoloso, simbolo della forza, della capacità di vendicarsi e dell’Oscurità.

Voglio concludere con Ambrose che mi ha fatto davvero preoccupare, voglio sapere di più sul perchè sia agli arresti domiciliari, sono sicura che abbia infranto qualche legge magica ma vorrei capire la gravità della questione considerando che il Tribunale Infernale considera tutti colpevoli fino a prova contraria dimostrandosi forse più crudele di quello degli umani ma, forse, più giusto contro i crimini gravi e deplorevoli e voglio sapere di più anche sugli psicopompi e su come operano.

In questo episodio ho totalmente amato Zelda che, forse per la prima volta, è stata dalla parte di Sabrina completamente e si è dimostrata pronta a mettere in discussione la parola di Blackwood anche se continua a dimostrare una certa reverenza, e non solo, nei suoi confronti e, a quanto pare, si tratta di qualcosa di reciproco dato che il Sommo Sacerdote l’ha quasi implorata di occuparsi della gravidanza della moglie come levatrice per evitare di perdere un altro bambino ancora una volta.

Voto all’episodio: 8 e mezzo

Credo sia chiaro che l’episodio mi sia piaciuto parecchio ma vorrei sapere voi ne pensate.

Bonus:

  • Ma che bella voce ha Sabrina?

  • Nicholas, Nicholas…finiremo per odiarti o sei dalla parte di Sabrina?
  • Salem ci manchi sempre troppo.
  • Lo zio di Susie e Harvey hanno visto qualcosa in fondo alle miniere e noi sappiamo cosa ma…come mai l’uomo è completamente impazzito mentre Harvey no?
  • Ma quanto ho amato il dettaglio della pianta delle camere a forma di pentagono?

Alla prossima recensione, passate dal lato delle Redheads, non ve ne pentirete.

Irene

 

 

 

 

Commenti disabilitati su The Chilling Adventures of Sabrina – Recensione 1×04

Salve, sono Irene e non ho mai amato definire la mia persona e ciò che faccio. So solo che ciò che viene scritto, nel momento stesso in cui viene composto, non è più solo mio ma anche di chi legge. Sono curiosa di sapere in che modo lo sarà. Meglio nota come vulcano d'idee o l'Arti(coli)sta per un chiaro e semplice motivo: la scrittura è il mio elemento, l'arte che mi scorre nelle vene, il modo più realistico e spontaneo che ho di vivere.