The Shannara Chronicles – Recensione 1×03

[SPOILER ALERT]

Fury!”
Furia!”

Buongiorno ragazzi!
State bene?! Siete carichi per il week-end?! Siete pronti per questa sera, per la diretta in Italiano di The Shannara Chronicles?! Spero vivamente di SI!

 

Eccomi qui a recensire la terza puntata di questo nuovissimo e stupendo telefilm. (Di quale ormai ne sono ossessionato.)

 

In realtà, la suddetta terza puntata era già stata rilasciata da MTV una settimana fa, ma trattandosi di un pre-air a cui non tutti hanno potuto assistere, ho deciso  di rimandare la recensione alla messa in onda ufficiale, per potervi invogliare a rivedere la prima puntata doppiata in Italiano questa sera su Sky Atlantic HD.

 

Come già accennavo nella scorsa recensione, ho avuto modo di leggere in rete e sui social diversi commenti negativi sui primi episodi dello show e, come ho ribadito anche in un commento, mi dispiace che ai fan della Saga cartacea (o, perlomeno, ai cosiddetti puristi) questa serie TV non risulti abbastanza riuscita, perché posso dire con certezza (visto già il terzo episodio) che io me la sto godendo.

Non sono una di quelle persone che vogliono che in una serie TV o in un film sia presente ciò che ho già letto nel libro al cento per cento; questo non vuol dire che non guarderei mai una riproduzione fedele di qualsivoglia libro, ma soltanto che (e adesso odiatemi pure ) non guarderei mai un film di Harry Potter lungo dodici ore con tutti i minimi dettagli dei libri.
Mi piacerebbe,  che tutti prendessimo in considerazione il fatto che libro e film/serie TV sono due cose diverse e, cominciassimo a giudicarli come tali: due mezzi opposti.
Purtroppo,  sono sicuro che questo MTV l’abbia messo in conto, le critiche oggettive dei puristi erano qualcosa da aspettarsi, anche tenendo conto del fatto che parliamo di una saga fantasy di un certo livello, con la quale tanti sono cresciuti.
Ripeto: personalmente, non mi dispiace.

L’unica cosa che trovo fastidiosa, non in modo particolare, è il fatto che ci sono continuamente occhiate maliziose tra due protagonisti, il che, non solo mi fa pensare ad una romance con i fiocchi in arrivo, ma non fa che ricordarmi che The Shannara Chronicles è pur sempre un prodotto di MTV che con le romance ci marcia alla grande e che sa che, nel bene o nel male, è qualcosa che interessa e vende.
Al giorno d’oggi, ahimè, se in una serie TV o in un film non c’è almeno una scena d’amore o qualche bacio, tutti pensano automaticamente che siano noiose/i.
Una storia d’amore è lecita se nel contesto non stona, altrimenti urta soltanto i nervi, a mio avviso. (Vi parlo da ragazzo fidanzato, le storie d’amore in film e altre cose, solo se non stona con l’argomento principale.)

 

Parlando dell’episodio in sé, la scena prende avvio da dove si era interrotta nella seconda puntata, ovvero durante l’attacco della Furia.
Sebbene Wil sia pronto a difendere la principessa, senza l’intervento di Allanon sarebbero entrambi un bello spuntino per il mostro.

 

Allanon, viene ferito durante lo scontro e chiede a Wil di essere condotto presso la Caverna del Druido, affinché possa schiacciare un altro pisolino e rigenerarsi (cosa di cui sia Wil che Amberle sono all’oscuro), tanto che si adoperano per raggiungere il Fiume Argento, il cui fango pare possegga capacità di guarigione.


 

Mentre Wil fa il lavoro sporco, Amberle viene presa prigioniera da Eritrea, che li conduce all’accampamento Nomade del padre, deciso ad attivare le Pietre Magiche.
Peccato che Wil non abbia idea alcuna di come farle funzionare.

 

Eritrea, inoltre, stanca degli abusi del padre, è ben decisa a fuggire, se non fosse che il suddetto padre sventa i suoi piani e lei è costretta ad allearsi con Amberle per riuscire a sfuggirgli. Non che l’idea della principessa abbia successo, visto che spunta un’altra Furia dagli Inferi e Wil, senza sapere come né perché, si ritrova a saper improvvisamente usare le Pietre per distruggerla e salvare tutti gli abitanti dell’accampamento.

 

 

 

 

Allanon Rigenerato (una cosa molto in stile Gandalf Il Grigio vs. Gandalf Il Bianco, tutta questa storia della rigenerazione), ricompare all’improvviso per scortare tutti ad Arborlon, dove Amberle dovrà sottoporsi al giudizio del Consiglio affinché possa continuare a ricoprire il suo ruolo di Eletta ed essere l’unica in grado di poter portare il seme della nuova Ellcrys nella Cripta.

 

Durante il viaggio dei Fantastici Tre, veniamo a fare la conoscenza di un altro personaggio, Bandon, rimasto orfano e, a quanto pare, in grado anche lui di vedere il futuro come Amberle.
Il suo personaggio, fin dalla sua prima apparizione, non mi ha ispirato molta fiducia, forse perché i suoi genitori l’avevano rinchiuso in una specie di prigione e lui era lì che tentava di uscirne, colpendo la porta come un matto.


Sì, convince Wil a restare ad Arborlon per aiutare Amberle nella sua missione, ma nessuno sa molto altro di lui.
E se fosse uno dei cattivi?
Spero che scopriremo presto qualcos’altro su di lui che riesca a darci un quadro più chiaro sul suo personaggio e sui suoi intenti.

Come già ribadito all’inizio, la cosa che ho trovato inutile, sono stati gli sguardi di fuoco tra Wil e Amberle (perché non li ho notati solo io, vero?) che, a mio parere, avrebbero potuto essere evitati, se non altro, perché nessuno può innamorarsi di una persona quando la conosci soltanto da due giorni e, l’unica cosa che sai di lei è che potrebbe essere in pericolo perché fa parte degli Eletti e deve salvare l’Ellcrys!

 

 

Un cliché troppo scontato, su! Però che va considerato, siccome è apprezzato!


Per il resto, confermo quanto detto per le prime due puntate: l’ambientazione mi piace moltissimo, gli effetti speciali non sono troppo falsi e le creature mostruose fanno davvero paura, una cosa che non avevo più sperimentato dal film de Il Signore degli Anelli; i protagonisti sono vero-simili, nonostante gli ormoni in evidente subbuglio e la recitazione non è male, c’è di peggio insomma e, sicuramente ci saranno dei miglioramenti ancora! Continuiamola a vedere con grande aspettativa!

Ragazzi, vi lascio con la promo del quarto episodio: “Changeling”!
A più tardi con la prossima recensione!

 

Gabriele

Precedente Shadowhunters: The Mortal Instruments (2016) - Recensione 1x01 Successivo American Horror Story: Hotel - Recensione 5x12