Crea sito
Articoli

The Umbrella Academy: Tutto quello che bisogna ricordarsi prima della seconda stagione

Nella prima stagione di The Umbrella Academy sono accadute così tante cose che potrebbe essere difficile ricordare tutto quello che è successo ai fratelli Hargreeves

The Umbrella Academy
The Umbrella Academy

Tutto quello che c’è da sapere sulla prima stagione

The Umbrella Academy inizia con la storia di 43 donne che si sono svegliate incinta il 1 Ottobre del 1989, ma alla fine della giornata hanno partorito tutte. Un misterioso milionario di nome Reginald Hargreeves ha adottato sette dei bambini nati quel misterioso giorno: Luther (Tom Hopper), Diego (David Castaneda), Alison (Emmy Raver-Lampman), Klaus (Robert Sheehan), Five (Aidan Gallagher), Ben (Justin H. Min) e Vanya (Ellen Page). Ognuno dei bambini è cresciuto per sviluppare dei poteri speciali. 

Hargreeves li ha addestrati per diventare un gruppo di lotta contro il crimine, ma la pressione di dover essere super eroi e il padre poco affettuoso, ha portato i fratelli a dividersi una volta diventati grandi. 

Solo dopo la morte del padre adottivo i ragazzi si riuniscono. È a questo punto che tutto diventa sempre più strano. 

I fratelli erano nel bel mezzo di confermare il fatto che finalmente stessero meglio, quando Five, il quinto adottato da Hargreeves, ritorna dalle sue disavventure nel viaggio del tempo come un uomo di 70 anni, ma nel corpo di un 14enne e con la notizia che il mondo finirà entro otto giorni. Gli eroi così hanno dovuto riunirsi per cercare di fermare l’apocalisse. 

Bisogna anche ricordare che questo è successo mentre due agenti della Commissione stavano dando la caccia a Five per assicurarsi che i tentavi della squadra non avessero successo. 

La seconda stagione di The Umbrella Academy uscirà su Netflix il 31 Luglio. 

Continuate a seguirci nel nostro sito: theredheadsdiarires.it

Fonte: TvGuide

Studentessa di cinema, appassionata di serie tv e libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.