Crea sito
Articoli

‘Vikings: Valhalla’: il cast della nuova serie Netflix

Netflix ha annunciato il cast di Vikings: Valhalla, sequel della serie di History, del creatore di Vikings Michael Hirst e dello studio MGM Television. Sam Corlett (Chilling Adventures of Sabrina), Frida Gustavsson (Swoon), Leo Suter (The Liberator), Bradley Freegard (Keeping Faith), Jóhannes Jóhannesson (Cursed), Laura Berlin (Immenhof – The Adventure of a Summer), David Oakes (The Pillars of the Earth) e Caroline Henderson (Tuya Siempre) sono i protagonisti della serie. Non è stata ancora fissata una data per la premiere, ma dovrebbe debuttare tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022.

Vikings: Valhalla inizia all’inizio dell’XI secolo e racconta le leggendarie avventure di alcuni dei più famosi vichinghi che siano mai vissuti: Leif Eriksson, Freydis Eriksdotter, Harald Hardrada e il re normanno Guglielmo il Conquistatore. Questi uomini e donne combatteranno per la sopravvivenza in un mondo in continua evoluzione e in continua evoluzione.

La serie originale Vikings si è conclusa con la sesta stagione lo scorso dicembre.

Vikings: Valhalla

Corlett interpreterà Leif Eriksson. Groenlandese, cresciuto ai margini del mondo conosciuto, Leif proviene da una famiglia molto unita, immersa nelle antiche credenze pagane. Un intrepido marinaio e fisicamente duro, Leif è il nostro ingresso in un mondo vichingo in preda a cambiamenti violenti.

Gustavsson interpreterà Freydis Eriksdotter. Fieramente pagano, focoso e testardo, Freydis è un convinto sostenitore delle “vecchie divinità”. Come suo fratello, Leif, raggiunge Kattegat come un estraneo ma diventa un’ispirazione per quelli i seguaci delle vecchie tradizioni.

Suter è Harald Sigurdsson. Nato nella nobiltà vichinga, Harald è uno degli ultimi berserker vichinghi. Carismatico, ambizioso e bello, è in grado di unire sia i seguaci di Odino che i cristiani.

Freegard interpreta il re Canute. Il re di Danimarca. Un leader vichingo saggio, esperto e spietato. Tiene vicini i suoi amici e i nemici. Le sue ambizioni plasmeranno il corso della storia nell’XI secolo e ne faranno una figura determinante dell’era vichinga.

Jóhannesson interpreta Olaf Haraldson. Olaf è il fratellastro maggiore di Harald. È fisicamente enorme e ambizioso; è un vichingo severo e spietato. Olaf è un seguace dell’Antico Testamento.

Berlin interpreta Emma di Normandia. La giovane e ambiziosa Emma di Normandia proviene dalla corte normanna e di sangue vichingo. Politicamente astuta e una delle donne più ricche d’Europa.

Oakes è Earl Godwin. L’ultimo sopravvissuto. Capo consigliere del re d’Inghilterra. Nato ai margini politici, i suoi modi astuti lo portano lontano.

Henderson interpreterà Jarl Haakon. Grande guerriero e leader tollerante, Haakon governa il Kattegat con mano ferma. Sebbene pagano, è riuscito a mantenere Kattegat una città aperta a tutte le fedi in un momento difficile. Diventerà un potente mentore per Freydis, che è attratta dalla sua saggezza.

McIntosh indossa nei panni della regina Ælfgifu. Calcolatrice e ambiziosa, la regina Ælfgifu di Danimarca ha un compito da svolgere nelle lotte di potere politico in corso nel Nord Europa. Usa il suo fascino e la sua astuzia con grande effetto mentre promuove gli interessi della sua patria merciana e cerca di affermarsi nella crescente struttura di potere di Canute.

Vikings: Valhalla è prodotto da MGM Television. Jeb Stuart, Hirst, Morgan O’Sullivan, James Flynn, Sherry Marsh, Alan Gasmer, Sheila Hockin e John Weber sono i produttori esecutivi. Stuart è anche uno degli showrunner. Il premiato regista Niels Arden Oplev dirigerà e produrrà il primo episodio. Gli altri registi della prima stagione sono Stephen St. Leger e Hannah Quinn. Insieme a Stuart, gli sceneggiatori ci sono Vanessa Alexander, Declan Croghan e Eoin McNamee.

Per rimanere sempre informati con altre news continuate a seguire il nostro Sito.

Fonte: Deadline

-Giusy.

Sono una nerd a tempo perso, Star Wars e la Marvel sono la mia religione, ma non disdegno il DCEU. Mi riprometto di non iniziare mai serie tv senza aver finito quelle che sto guardando, ma fallisco sempre.