Crea sito
Blindspot,  Recensioni,  Telefilm

Blindspot – Recensione 3×14

Buongiorno a tutti e bentrovati ad un nuovo appuntamento con le recensioni di Blindspot con noi Redheads! Con mia piacevole sorpresa ho scoperto che Everlasting è tutto quello che volevo e di cui non sapevo di avere bisogno, perché se dovessi descrivere l’episodio con una parola questa sarebbe: WOW. Ho davvero tante cose di cui parlare, a cominciare da infinite lodi alla nostra Patterson e terminando, ovviamente, con i Rapata. Prima di tutto, però, vorrei ringraziare Sara, che mi ha aspettato per vedere questa 3×14. Da quando guardiamo lo show insieme, anche a chilometri di distanza, tutto è più bello. E ora bando alle ciance e cominciamo a commentare!

Risultati immagini per blindspot 3x14 gif

Everlasting si apre con una Patterson parecchio infastidita per essere stata svegliata dal suo vicino rumoroso. E ha ragione! Lei e la sua litania di “no no no no” sono una perfetta rappresentazione di tutti i poveretti che non solo si devono svegliare presto, ma sono anche disturbati prima del tempo. Ma ecco che la sveglia vera e propria suona, e la nostra informatica preferita si deve dirigere al lavoro. Dopo un incontro piuttosto imbarazzante con un suo collega in ascensore, si imbatte in Tasha e le due vengono chiamate nell’ufficio di Read. Per una volta speravo che si trattasse di una qualche catastrofe mondiale, o di un caso che proprio non poteva aspettare e invece… Edgar ha detto loro di aver chiesto a Frullatore di sposarlo.

Immagine correlata

Già ragazzi, purtroppo non è un pessimo scherzo. È qualcosa di peggio: un vero e proprio incubo per le shipper Rapata come me e la mia collega. Voglio dire, avete visto la faccia di Tasha quando il suo migliore amico ha sganciato la bomba? Avrei voluto entrare nello schermo ed abbracciarla, soprattutto perché dopo lui ha rigirato il coltello nella piaga, chiedendole di essere la sua testimone e aggiungendo:

Ho bisogno di te lì con me.

Se vi interessa, sto ancora cercando il mio cuore. Patterson ha cercato di far ragionare Tasha, di convincerla a dichiararsi ad Edgar ma non c’è stato niente da fare, i Rapata hanno fette di prosciutto spessissime sugli occhi e continuano a farci soffrire. Grazie, veramente.

Il caso di questa settimana riguardava tre soldati morti, le cui vere cause del decesso erano state insabbiate. Mentre il nostro team stava cercando di scoprire la verità, c’è stata un’esplosione al laboratorio di Patterson, talmente grave che l’ha portata dritta ad un letto d’ospedale in condizioni critiche. Ed ecco che inizia la vera meraviglia dell’episodio.

PATTERSON

Chi ha letto le nostre recensioni dall’inizio saprà sicuramente quanto io e Sara amiamo questa donna. La sua sfortuna non ha eguali, eppure lei dopo ogni tragedia si rialza più forte di prima. La 3×14 ne è un chiaro esempio: Patterson è talmente intelligente, intuitiva e perspicace che ha risolto il caso MENTRE ERA IN COMA. Ci rendiamo conto di questa cosa, sì?

E a proposito del coma, credo che l’infinito loop nella sua testa sia una delle cose più divertenti che io abbia mai visto. Non mi aspettavo niente del genere da un telefilm come Blindspot, ma come ho detto all’inizio ne sono rimasta piacevolmente sorpresa.THIS IS NOT THE MATRIX!  Ovviamente le parti con David e Stuart hanno rischiato di farmi piangere come una bambina, ma niente, NIENTE batte la sequenza in ascensore con ROMAN. Nella scorsa recensione, la fantastica Sara ha scritto:

Proprio sul finale dell’episodio la ragazza viene rapita, e la mia speranza è solo una: che qualunque cosa Roman faccia, la faccia senza la maglietta.

Cioè, Bran Stark levati proprio perché:

 
 
 

BEST. SCENE. EVER. E Patterson, non ti preoccupare. Noi sappiamo quanto Roman sia irresistibile, quindi non ti biasimiamo per niente. Anzi, pure io ho delle fantasie, ma di solito riguardano una spiaggia, Roman e Sara ma non entriamo nei dettagli.

Le altre due sequenze che mi hanno fatta quasi cadere dal letto sono state quella dello scambio di personalità tra Jane e Weller e quella in cui tutto il team era un gruppo di teenager a scuola:

Riderò per sempre. Quello che non ho trovato divertente è stato il microsecondo di puro panico in cui ho pensato che Patterson non ce l’avrebbe fatta. Ma quella donna è diamante puro, niente la può scalfire. I’M SO PROUD OF HER! Ah, e comunque c’ha pure azzeccato su Boden: altro mistero che infittisce la trama! Non vedo l’ora di scoprire com’è coinvolto quello stron** di uno psicologo.

RAPATA

Vi starete chiedendo perché non ho parlato di questi due prima, e la risposta è semplice: meritano più di due righe. Sinceramente, però, non so con che forza sto scrivendo questo paragrafo. L’episodio mi ha pugnalato alle spalle, al cuore, a tutto. Della prima volta che Read ha detto che sposerà Frullatore vi ho già parlato, quindi ora voglio soffermarmi sulle gioie IRREALI che abbiamo ricevuto.

  1. Sequenza in cui Patterson dice a Edgar che TASHA È INNAMORATA DI LUI.
  2. Sequenza in cui Read chiede a ZAPATA di SPOSARLO.

Allora, è chiaro come il sole che l’informatica sia nel #TeamRapata, ed io non potrei esserne più felice. L’ho amata più del solito quando ha detto:

Impedisci al tuo fidanzamento con Meg di mettersi in mezzo a ciò che voi due avete. Non sposare Meg, voi due vi amate quindi fatela funzionare.

*90 minuti di applausi*. È quello che aspettavo da secoli, ma ovviamente tutto era una BUGIA. Ma non è finita qui, perché la vera batosta è arrivata quando Tasha ha detto che Edgar ha chiesto a LEI di sposarlo, poi la preso per la cravatta è gli ha chiesto chi fosse Meg. Possiamo, per favore, chiamare Barry Allen e chiedergli di fare casini con la linea temporale in modo che questa diventi la versione ufficiale? VI PREGO. Ah, e comunque Sara aveva scritto una scena molto simile in una delle sue meravigliose sceneggiature. Ovviamente la sua era migliore, ed è per questo che per la milionesima volta faccio un appello agli sceneggiatori di Blindspot: ASSUMETELA.

I Jeller sono stati una parte marginale in Everlasting, quindi per una volta non dedicherò loro un paragrafo. Dico solo che vederli discutere di come sia meglio essere genitori mi scalda il cuore.

E niente, anche per questa volta è tutto gente! Ci leggiamo la prossima settimana.

Martina

 

Vediamo cosa posso dirvi su di me. Studentessa di lingue? Probabilmente non vi interessa. 23 anni? Solo anagraficamente, dentro sento di averne come minimo 80. Telefilm addicted? Duh. Personaggi preferiti? Tutti al cimitero. Le mie ship? Never canon. Insomma, mai? 'Na gioia.