Crea sito
"Eclissi totale"
Recensioni,  SKAM Italia,  Telefilm

SKAM Italia – Recensione 4×04 “Eclissi totale”

Eclissi totale”, l’episodio che spiega quanto l’apparenza inganni e possa ingannare nel momento in cui ci si limita solo a guardare e non si guarda davvero.

Sana

"Eclissi totale"

Sana è così distratta e immersa nei propri pensieri da non ascoltare nemmeno i discorsi di Martino ed Eva incentrati sul test fatto per essere ammessi alla Facoltà di Medicina.

Pensa a Malik, al fatto che non sia musulmano e che non possa uscirci nonostante voglia e, forse, vorrebbe che Eva non fosse così interessata a lui e, infatti, appena Martino scende alla fermata utile, ne approfitta per saperne di più della situazione tra la ragazza e Federico e anche noi, di conseguenza, durante “Eclissi totale” scopriamo la verità.

Eva e Federico non si sono propriamente lasciati, Federico si è comportato male con la ragazza che, sinceramente, non ha avuto nessuna colpa se non quella di star vicino ad un ragazzo che non se lo merita.

Sana però non vede il lato negativo della vicenda e, come qualsiasi ragazza innamorata, vede solo la voglia di allontanare Eva da Malik e cerca di far fare pace alla coppietta che non è mai stata davvero felice come voleva far credere.

Un comportamento decisamente non da amica visto che Federico non è propriamente raccomandabile e che ha trattato male Eva tradendola pure, alla fine, insomma Sana è umana e questi “sbagli” ne sono la prova.

La discussione si è conclusa con una scommessa, Eva entrerà a Medicina e scriverà a Fede o si ritroverà con il numero di Malik per non essere stata ammessa? Staremo a vedere.

Abbiamo poi visto Sana insieme alla madre in bagno intente a parlare dei campi a cui la ragazza dovrà partecipare se vorrà partire per Mykonos visto che il padre potrebbe darle l’okay solo in quel caso.

Da un momento all’altro Sana si ritrova catapultata in un incubo perchè una sua amica è stata cacciata dal padre di casa per essersi fidanzata con un ragazzo italiano non musulmano e, giustamente, i primi pensieri sono per Malik e per l’ingiustizia di ciò che succede in casi come quello di Rachida.

A quanto pare Sana si era allontanata dalle sue amiche della comunità islamica perchè quando scrive a Maryam per dirle che forse avrebbe partecipato ai campi, la ragazze le risponde in modo stupito e, sicuramente, la questione verrà affrontata in seguito e voglio proprio saperne di più.

Sana e il gruppo

Mentre Sana, Federica e Silvia sono insieme scopriamo che tra Luchino e Silvia le cose stanno procedendo bene, che i ragazzi hanno messo in piedi un gruppo musicale che terrà un concerto e che Silvia ha la sensibilità ed il rispetto di un rinoceronte.

Ora, tra amiche è normalissimo ed è giustissimo parlare di sessualità, di posizioni, di anticoncezionali, di posti in cui farlo etc…ma c’è anche modo e modo e si dovrebbe considerare che non tutti ne vogliono parlare, che non a tutti interessano le stesse cose e che la parola chiave in qualsiasi rapporto è il rispetto.

Sana in “Eclissi totale” era evidentemente non a proprio agio, si sentiva quasi di troppo e non si sentiva né accettata né capita e queste emozioni la portano a distaccarsi e a sentirsi ancor più incompresa di quello che già non è.

La situazione viene poi aggravata dal fatto che le UFB non l’abbiano aggiunta al gruppo WA dedicato alla vacanza a Mykonos nonostante Sana sia la referente e che nemmeno le sue amiche se ne siano rese conto.

La festa di venerdì si avvicina e Sana ci sarebbe andata volentieri se solo Malik non l’avesse chiamata per recupera Rami e solo il gruppo di ragazze non si fosse spostato verso Fiumicino.

Sana e Malik

Credo che le scene tra i due in questa “Eclissi totale” siano state davvero meravigliose e magiche, intense e piene di significato ancor di più del solito e che abbiano fornito diversi spunti di riflessione e diversi dettagli anche sulla questione di Niccolò e Luai.

"Eclissi totale"

Sana si ritrova a dover andare a recuperare Rami e a portarlo a casa di Filippo, cuore mio quanto ci sei mancato, per non farsi scoprire dai genitori per poi correre alla fermata dell’autobus e raggiungere le sue amiche.

In tutto ciò Malik è con lei, il bus non passa, le amiche si sono allontanate troppo dalla zona in cui si trova e, di conseguenza, si opta per la metro e i due ragazzi si incamminano insieme fino a quando raggiungono una salita in cui iniziano a chiacchierare, a giocare a calcio passandosi la palla e flirtando nel modo più dolce, innocente e intenso del mondo.

Si scontrano con una processione cattolica e, in quel momento, ogni cattolico ha avuto modo di vedere la reazione di un musulmano o di un qualsiasi altro praticante un altro culto quando si ritrova ad assistere ad un qualcosa di non appartenente al proprio culto, appunto.

La reazione mi ha davvero stupito, i due ragazzi hanno sorriso e non per prendere in giro o per giudicare ma perchè, semplicemente, ciò che non si conosce dovrebbe suscitare un sorriso, una poca comprensione non odio o pregiudizi/giudizi ed è ciò che loro hanno dimostrato.

Forse avevano anche paura di essere attaccati, forse non volevano essere riconosciuti e non volevano nemmeno essere d’impiccio in quella liturgia eppure quando una suora incrocia lo sguardo di Sana la reazione è la più bella e dolce.

Non c’è giudizio, non c’è odio, c’è solo un riconoscersi, un sentirsi simili anche se, oggettivamente, Sana non è come lei perchè non è una suora ma lo è perchè un essere umano che crede in qualcosa di più grande di lei che le trasmette sicurezza, pace e la fa sentire in equilibrio con il mondo esterno.

Riconoscersi è, forse, la più alta forma di comprensione e di amore.

La discussione teologica tra Malik e Sana è talmente speciale e importante da non essere più basata solo sulla religione ma anche sulla vita, sulle emozioni, sull’etica, sull’amore, sull’astronomia e su tutto ciò che move il sole e le altre stelle.

"Eclissi totale"

In fondo nessuno può giudicare le scelte altrui e così come Malik non ha bisogno di pregare per essere una persona meravigliosa così, al tempo stesso, Sana ne ha bisogno non perchè altrimenti non sarebbe una brava persona ma perchè quei momenti di preghiera l’aiutano a sentirsi parte di tutto e in sintonia con il proprio mondo interno e con quello esterno.

Ognuno trova il proprio equilibrio a modo suo e niente o nessuno può mettere in discussione le scelte personali dei singoli.

Ed ecco perchè l’apparenza inganna, in “Eclissi totale” abbiamo avuti chiari esempi.

L‘apparenza è solo un velo che nasconde la verità marchiandola di connotati che, forse, la realtà non possiede davvero proprio come accade con l’eclissi totale.

La Luna non è più grande del Sole eppure, essendo più vicina alla Terra, ci inganna e ci fa credere che si grande quanto il Sole.

Ecco, noi crediamo che lo sia ma in realtà non è così.

Molte persone credono che essere diversi sia un pericolo e alcuni episodi sembrano da ragione a questa credenza ma ogni regola è fatta per essere smentita e non da un’eccezione.

La diversità non è sinonimo di pericolo, questa è la regola, ciò che è pericoloso è il fanatismo, l’odio, la discriminazione, la rabbia ovvero l’eccezione.

Abbiamo scoperto anche perchè Malik abbia smesso di essere musulmano e cioè per ciò che è successo in seguito alla vicenda tra Niccolò e Luai che spero venga approfondita decisamente, ho bisogno di capire visto che, a quanto pare, non è andata come nella versione originale di SKAM, anzi.

Credo però che il vero credente non sia chi non dubita mai ma chi, proprio perchè ha una sensibilità e una voglia di comprendere, dubita e si fa domande.

Cogito et dubito ergo sum, giusto?! Ecco, credo che sia necessario domandarsi, darsi delle risposte o non trovarne affatto per essere certi di credere davvero.

Il padre di Sana, purtroppo, vede dal balcone di casa i due ragazzi insieme e, dalla sua espressione, non credo proprio sia d’accordo e soddisfatto, anzi.

Staremo a vedere.

"Eclissi totale"

In ogni caso ho adorato le soundtracks inserite, la fotografia, gli abbracci tra Sana e Rami, la presenza di Filo e come sta procedendo la costruzione della stagione su Sana, mi sono emozionata davvero tanto.

Eclissi totale” ovvero l’episodio in cui, attraverso vari esempi, abbiamo capito quanto la realtà non sia univoca ma sia comprensibile tramite varie chiavi di lettura.

Sta a noi la scelta, l’importante è cercare di credere a ciò che è e non solo a ciò che sembra perchè l’apparenza inganna.

Voto all’episodio “Eclissi totale”: 9

Al prossimo appuntamento, vi lascio alle precedenti recensioni intanto e vi invito a seguirci anche su Facebook.

Irene

Commenti disabilitati su SKAM Italia – Recensione 4×04 “Eclissi totale”

Salve, sono Irene e non ho mai amato definire la mia persona e ciò che faccio. So solo che ciò che viene scritto, nel momento stesso in cui viene composto, non è più solo mio ma anche di chi legge. Sono curiosa di sapere in che modo lo sarà. Meglio nota come vulcano d'idee o l'Arti(coli)sta per un chiaro e semplice motivo: la scrittura è il mio elemento, l'arte che mi scorre nelle vene, il modo più realistico e spontaneo che ho di vivere.