The Chilling Adventurs of Sabrina – Recensione 1×05

Bentrovati Streghe e Stregoni con il nostro appuntamento del giovedì di “The Chilling Adventurs of Sabrina.” Nel quinto episodio intitolato “Sogni in una casa stregata” un demone dal dubbio aspetto costringerà i nostri protagonisti ad affrontare i loro peggiori incubi, ma grazie ad un aiuto inaspettato la famiglia Spellaman riuscirà a sconfiggere e intrappolare il demone.

Ma bando alle ciance e iniziamo.

 

Inizio col dire che questo episodio non mi ha colpito particolarmente, sarà per il fatto che affrontare i proprio incubi sembra una cosa vista e rivista, in molte serie tv questo tema è stato abbastanza sfruttato. Un’ altra cosa che proprio non sono riuscita a digerire è stata la “presenza” del cannibalismo,  è stato tutto molto velato, ma il cannibalismo è una delle cose che non riesco proprio a sopportare, se avessi voluto guardare una serie con i cannibalismo avrei guardato Hannibal, no?

 

Sabrina è riuscita a risolvere l’enigma che Padre Blackwood le ha consegnato, per poter accedere alla classe di esorcismi, scopriamo che in quel rompicapo il padre di Sabrina vi aveva rinchiuso un demone che però potrebbe essere facilmente intrappolato di nuovo. Cosa che accade, ma in realtà  niente è come sembra. Gli Spellman intrappolano il demone (e se stessi) in casa, in modo che porti scompiglio nel mondo mortale. Il demone degli incubi però sfugge dal vaso dove Zia Zelda lo ha intrappolato e una volta tutti addormentati, diciamo che non fa passare loro una nottata tranquilla.

Sabrina

L’incubo di Sabrina sembra voler collegare le due parti della sua vita mostrando una Baker High dove sono iscritti anche degli stregoni, più precisamente Dorcas, Prudence, Agatha e Nicholas. Sabrina ha sedici anni e per quando sembra prematuro alla proposta di matrimonio di Harvey risponde di sì, e comunque una ragazzina convinta che il suo giovane dolce amore durerà per sempre. Forte di questa convinzione decide di dire la verità al futuro marito, che non prende proprio bene la notizia, infatti informata l’ intera città rinchiude la giovane strega in una Vergine di Norimberga. Mi ha spezzato il cuore vedere Sabrina rinchiusa li dentro, la sua più grande paura è non essere accettata dalla persona che ama di più, abbiamo visto tutti come ha reagito Harvey alla notizia nel primo episodio.

Ambrose

Ambrose continua ad essere il mio personaggio preferito, la sua paura è morire intrappolato in quella casa dopo esserne stato intrappolato per 75 anni. E’ stato abbastanza brutto vedere fare l’autopsia su se stesso, continuare a tagliare la carne ad un certo punto mangiarla perfino, dando una sensazione di claustrofobia che fa sentire ansioso anche lo spettatore.

Hilda

Non ho ben capito se la paura di Hilda fosse non riuscire mai a liberarsi della figura oppressiva della sorella o di non poter raggiungere mai la vera felicità. Finalmente, infatti, ora Hilda potrebbe essere davvero libera poiché è stata scomunicata dalla Chiesa della Notte, potrebbe condurre una vita normale, con un lavoro un una libreria e un uomo che la desideri davvero. Ma c’è sempre da considerare il suo “lato oscuro” come ha definito il demone, Zelda, che Hilda percepisce con una zavorra nella sua vita.

Zelda

Se in primo luogo abbiamo pensato che la più grande paura di Zelda fosse non riuscire a soddisfare l’Oscuro Signore poi abbiamo avuto modo di ricrederci. La sua più grande paura è quella perdere per sempre sua sorella. Okay. Zelda non dimostra spesso (leggessi mai) il suo affetto nei confronti della sorella, ma il pensiero di perderla l’ ha letteralmente distrutta. Più della delusione di non aver saputo soddisfare Satana, il suo vero incubo è uccidere la sorella e non vederla più ritornare indietro, passare tutta l’eternità da sola e con la consapevolezza di aver ucciso una persona che nonostante il suo pessimo carattere l’amasse davvero.

Miss. Wardwell

Io sono sempre più convinta che sia Lilith, infatti, Batibat l’ha chiamata madre di tutti i demoni, e chi è secondo la tradizione cristiana questa oscura figura? Lilith, la prima donna creata da Dio cacciata dall’ Eden poiché irrispettosa di Adamo. Comunque è grazie a lei se Sabrina riesce a fuggire dalla sua prigione e liberare anche i suoi parenti dalle grinfie dalla demone degli incubi.

Finalmente poi abbiamo potuto vedere la raffigurazione umana dell’Oscuro Signore che mi ha molto deluso. Chi si aspettava, come me, qualcuno di affascinante con il Lucifero si Tom Ellis? Insomma non è propriamente affascinate un essere mezza capra e mezzo uomo.

 

La recensione finisce qui, spero di non essermi dilungata molto con questa recensione, mi raccomandando non perdetevi i prossimo appuntamenti con le nostre recensioni di The Chilling Adventures of Sabrina, altrimenti vi manderò Batibat a perseguitarvi.

-Giusy.

 

 

 

 

Precedente Grey's Anatomy: ecco a chi è venuta l'idea del cancro di Catherine Avery Successivo Arrow - Recensione 7x05