"Reservoir Dogs"
Recensioni,  Riverdale,  Telefilm

Riverdale – Recensione 5×13 “Reservoir Dogs”

“Reservoir Dogs”, episodio discreto con un’unica storyline degna di essere raccontata e cioè Betty e le proprie indagini sui camionisti.

"Reservoir Dogs"

Naturalmente anche la questione dei cani utilizzati per i combattimenti è molto importante ma in questo preciso momento è spuntata come un fungo nella narrazione e mi dispiacerebbe se venisse trattata con superficialità per occuparsi esclusivamente dei traumi psicologici di Archie ed Eric.

Per il resto la chiesta di Penolope e Cheryl è totalmente insensata, per l’ennesima volta stanno rovinando due personaggi che avrebbero veramente tanto potenziale e cioè Kevin e Cheryl.

"Reservoir Dogs"

Purtroppo ormai non ho parole per commentare gli episodi di Riverdale, sono fin troppo sterili e noiosi e non apportano nulla di nuovo pur essendo nuovi episodi anche se di una quinta stagione.

Credo che le serie televisive debbano fermarsi ad un certo punto per non rovinarsi e per non diventare una semplice abitudine che accompagna chi le segue dall’episodio pilota.

E Riverdale ha fatto il suo corso, questa quinta stagione sta rovinando decisamente tutto il buono che era rimasto nella serie e mi auguro che riescano comunque a trovare una giusta conclusione e, soprattutto, sensata.

Per quanto riguarda Kevin, io sono davvero molto dispiaciuta per la fine della storia con Fangs, anche perchè in “Reservoir Dogs” hanno rimesso in ballo Moose, un personaggio che ormai da tempo non faceva più parte dello show e senza nessun motivo evidente.

Insomma, per Kevin non deve essere assolutamente facile vedere i propri ex stare insieme tra loro…okay, Kevin ha lasciato Fangs e in un modo orribile ma, insomma, non ci ha messo molto il ragazzo a consolarsi e a decidere di non darsi una seconda possibilità con l’uomo con cui viveva e che voleva come genitore del bambino che hanno voluto entrambi con Toni.

Spero che in un futuro possa esserci un modo per farli ritrovare perchè mi piacevano molto insieme e perchè credo meritino una chance.

Ho adorato la scena in cui hanno cantato e ballato le ragazze nel locale, è sempre una gioia sentirle cantare e l’aggiunta di Tabitha al gruppo ha dato una scossa in più all’esibizione e anche alle indagini di Betty.

"Reservoir Dogs"

A tal proposito…Betty si riconferma il mio personaggio preferito, sta seguendo la giusta pista anche se rischia continuamente e si ritrova a vivere situazioni di pericolo talmente gravi da poter rimetterci la vita.

E il suo coraggio, la sua determinazione, la sua forza, il suo ingegno riescono sempre a farmi pensare che sia uno dei migliori personaggi dello show anche per come stanno sviluppando la storyline che la riguarda, naturalmente.

Sono certa che riuscirà a scoprire la verità, come sempre dopotutto e spero di rivedere presto Jughead lavorare insieme a lei come erano soliti fare.

Quanti di voi hanno sentito la mancanza di Jughead in “Reservoir Dogs”? Non l’abbiamo praticamente né visto né sentito e non sappiamo che fine abbia fatto…insomma, la nostra dose settimanale del nostro scrittore preferito è saltata e no, non sono d’accordo.

"Reservoir Dogs"

Sinceramente non ho apprezzato molto il ritorno della coppia d’affari formata da Veronica e Reggie, non mi erano affatto mancati ma c’è da dire che ci sanno davvero fare anche se, rubare da sotto al naso di Hiram i finanziatori della SoDale creerà assolutamente dei problemi che movimenteranno il tutto…ancora una volta.

Voto all’episodio “Reservoir Dogs”: 7, meglio di molti altri episodi ma niente di così speciale.

"Reservoir Dogs"

Bonus:

  • Archie, a quanto pare, si è ritrovato a dover compiere una scelta difficile durante la guerra e, purtroppo, i fantasmi, se non affrontati, prima o poi ritornano sempre a bussare e il Sergente ha proprio bisogno di occuparsene ormai…

Intanto vi lascio al trailer del prossimo episodio The Night Gallery” ma sono curiosa di conoscere la vostra opinione, come vi è sembrato questo episodio?

Irene

Salve, sono Irene e non ho mai amato definire la mia persona e ciò che faccio. So solo che ciò che viene scritto, nel momento stesso in cui viene composto, non è più solo mio ma anche di chi legge. Sono curiosa di sapere in che modo lo sarà. Meglio nota come vulcano d'idee o l'Arti(coli)sta per un chiaro e semplice motivo: la scrittura è il mio elemento, l'arte che mi scorre nelle vene, il modo più realistico e spontaneo che ho di vivere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.