Crea sito
Recensioni,  Shadowhunters: The Mortal Instruments (2016),  Telefilm

Shadowhunters– Recensione 3×12

Bisogna ammetterlo, il dodicesimo episodio di Shadowhunters ha regalato parecchie gioie non solo ai fan Malec, ma anche a quelli Clace e in parte anche ai Sizzy che piano piano cominciano a prendere forma. Inoltre non scordiamoci di Jonathan, adorabile e dolce (a modo suo) fratello che ha portato sua sorella nella città dell’ammore..

FROM PARIS WITH MY LOVELY BROTHER

Credo sia d’obbligo iniziare la recensione parlando dei fratelli Morgenstern che personalmente hanno regalato emozioni a fior di pelle. Clary ha cercato in ogni modo di illudere suo fratello facendogli credere di avere davvero intenzione di conoscerlo più a fondo.

Lui anche se con qualche sospetto (lei che gli tirava frecciatine era il massimo) alla fine ha pure creduto alle buone intenzioni della sorella. Lei è riuscita nel suo intento, ma questo a sua volta ha scatenato l’ira del fratello e saranno cavoli amari.
Jonathan continua a suscitarmi tenerezza, come già detto la scorsa settimana si tratta di un personaggio per cui provo amore-odio. Il suo “io” interiore è diviso in due, combattuto tra bene e male ed è sempre quest’ultimo a prevalere. Non è colpa sua, è cresciuto con Valentine, poi gettato in balia di Lilith, privato di quell’amore che ognuno di noi riceve sin dalla nascita. Non è in grado di comprendere ciò che è giusto e sbagliato perciò come abbiamo visto ha dei momenti dove il lato oscuro prevale (spezza il collo della gente alla Damon Salvatore di The Vampire Diaries) anche nel tentativo di essere protettivo con Clary.
Luke e Jace sono stati fondamentali per il temporaneo salvataggio di carotina, specialmente il lupacchiotto che non ha mai smesso di crederci sin da subito. Alla fine l’hanno trovata portandosi con loro anche Alec, ma ciò che conta veramente è stata la riunione emozionante tra i Clace con tanto di bacio con la Tuor Eiffel come sfondo.

Che romanticismo e finalmente una mini-gioia per Jace ma sopratutto per i fan della coppia.

THE MARK OF CAIN

L’antico vampiro che si nasconde nella fogne non è altro che Caino in persona, vabbè in modalità vampiro diurno. Sono rimasta scioccata da tutte le sue rivelazioni, mi ha spezzato il cuore vederlo così abbattuto e disperato. È stato un gesto nobile quello di offrire la famosa pietra a Simon per potersi levare il marchio. Non nascondo la voglia di rivederlo nei prossimi episodi essendo persino un gran bel vedere.
Ormoni a parte, mi rivolgo ai fan Sizzy che stanno leggendo (o perlomeno lo spero), apriamo la bottiglia dello spumante? Organizziamo una festa? Se si tratta di un sogno vi chiedo cortesemente di non svegliarmi, grazie. 

Anche Merlion si è reso conto che tra i due gatta ci cova, per non parlare della reazione di Isabelle dinnanzi alla sofferenza (anche nostra) di Simon.

Gli ha salvato la vita concedendo il suo sangue, mettendo da parte i suoi precedenti con la dipendenza. Se questo non è amore…

 

FALLING IN LOVE

Stavolta ci hanno deliziato alla grande, dimostrando che gli autori hanno i Malec nel cuore. Siamo partiti da un risveglio un po’ traumatico (la luce del Sole sparata addosso non è mai piacevole), ad un allenamento HOT HOT HOT, fatto di provocazioni che alla fine hanno dato sfogo tra le lenzuola.

Avrei voluto vedere qualcosina in più, magari una chiappa ma non trattandosi di una serie spinta posso accettare questo regalo senza troppe lamentele. Tralasciando la scena piccante, è importante dire che Magnus sta provando a godersi la sua nuova vita da mortale, vuole godersi a pieno ogni singolo istante. La paura di non avere più il tempo dalla sua parte lo sta portando ad esagerare e prontamente Alec glielo fa notare con dolcezza e amore. Ormai sono una coppia solida in grado di riuscire a superare ogni prossima difficoltà.

 

 

Alla prossima settimana, ma prima… BONUS EXTRA 😉

JONATHAN IL GUARDONE

 

EPIC WIN

 

LA DOLCEZZA

 

PORN HAIR

 

NO COMMENT

 

 

 

 -Marta

Big Boss delle Redheads Diaries: la mente che ha dato vita a questo sito di intrattenimento.