Crea sito
Articoli,  Eventi

The Italian Institute: The First Convention

Lo scorso weekend, a Milano, si è svolta la prima Convention Italiana della serie Shadowhunters: la The Italian Institute.

Dopo vari problemi con una cancellazione da parte di un ospite a due settimane dalla Convention, la Kinetic Vibe, ovvero l’organizzazione, si è tirata su le maniche e ha cercato di non far rimanere delusi i fan che avevano comprato i pass.

Sono riusciti a far venire un ospite migliore dell’altro (all’ultimo minuto): Jade Hassouné (Meliorn), Alan Van Sprang (Valentine), Matthew Daddario (Alec), Dominic Sherwood (Jade), Katherine McNamara (Clary) e Alberto Rosende (Simon), il quale era uno special Guest, ovvero ha partecipato solo il sabato.

Ma adesso, riviviamo insieme cos’è successo durante questo weekend folle quanto spettacolare!

La Convention si è svolta presso il Centro Congressi NH Hotel ad Assago Forum.
Venerdì mi sono recata sul luogo dell’evento per fare la registrazione. Diciamo che non è iniziato nel migliore dei modi, lo staff ha avuto qualche problema con le registrazioni, mi sono messa in fila per le 16 e alle 18:30 è arrivato il mio turno, ma a quel punto, contenta, con il mio pass e i miei extra, sono tornata a casa aspettando con ansia il weekend!

Sabato, il giorno tanto atteso è arrivato ed è il momento di parlare dell’evento in sé!

L’inizio di tutto

La sala Panel era ormai quasi piena, non stavo più nella pelle, finché non sento urlare di gioia. Ed ecco che Dominic Sherwood, Katherine McNamara e Alan Van Sprang sono sul palco! Si inizia subito con il botto! Ma non è finita qui… Mentre i tre Guest stavano scherzando, vedo correre qualcuno sul palco e saltare addosso a Dominic per abbracciarlo… E anche Alberto Rosende è arrivato!!

Dopo il Panel di apertura iniziano tutte le attività. La divisione di extra e panel era un po’ confusionaria all’inizio, ma dopo un po’ a cercare di capire il programma, è diventato tutto più chiaro, ed ecco che iniziano le corse e le ore di coda per fare autografi e Photo Op.

I Panel

Un momento li vedi sullo schermo del computer e il momento dopo, sono lì, in carne ed ossa, di fronte a te, mi ci è voluto un po’ a realizzare la cosa!

I Panel erano davvero tanti, ma ricordiamo quali sono stati i momenti che più ci hanno emozionato e fatto ridere!

▪ Alberto che corre sul palco per abbracciare Dom e Kat!
▪ A Matt, come da copione, è stato chiesto quale fosse la sua Ship preferita. La sua risposta “Mi fate questa domanda tutte le volte e mi chiedo se voi siate davvero seri, c’è solo una risposta..” Poi ha puntato il microfono verso i fan e dalla folla si è alzato un rumorosissimo “MALEC”!
▪ A metà giornata c’è stato un momento inatteso! Dom non sarebbe dovuto essere in sala Panel, ma era sul palco con Alan lo stesso, ad un certo punto il nostro Jace si è alzato per mettersi in coda con i ragazzi che vogliono fare le domande.. Alan è andato verso di lui e.. SI SONO BACIATI! Il motivo? E chi lo sa!!
▪ Per i fan di Kat e Will, la nostra rossa preferita ha praticamente detto che stanno insieme. “Will sta diventando una parte importante della mia vita!”. La rivelazione che tutti i fan avrebbero voluto sentire!
▪ Matt e Dom hanno recitato il giuramento Parabatai e Dom ha dovuto chiedere il foglio alla fan, perché non si ricordava la sua parte

Come ho già detto, i Panel erano davvero tanti, queste sono solo alcune delle cose dette e fatte rimaste più ai partecipanti della Con!
Ma ora, conosciamo di più gli ospiti!

I nostri fantastici Guest

A circa due settimane dalla Con, Harry Shum Jr., ha cancellato la sua partecipazione alla Convention, facendo rimanere così solo tre ospiti. Lo staff, dopo questo fatto non si è lasciato abbattere, ma in meno di una settimana è riuscito ad annunciare, non uno, non due, ma ben tre new Guests!! Tra cui due Main e uno Special!

Alan Van Sprang: Il primo ospite di cui parlo è proprio il nostro Valentine. È simpaticissimo e i Panel con lui sono davvero molto divertenti! Quando passa per i corridoi ti saluta sempre con un sorriso a 32 denti e durante gli autografi si alza sempre per abbracciarti. Inoltre gli autografi con lui, sono anche quelli che durano di più, perché è davvero un gran chiacchierone!! Ti parla come se fossi un’amica e raccontandoti anche aneddoti sulla sua vita. Per fare un esempio, quando è arrivato il mio turno, gli ho mostrato la foto che volevo firmata e ha iniziato a raccontarmi la storia dei suoi capelli durante quel Photo Shoot con tanto di complimenti perché ho scelto una bella foto.

Jade Hassouné: Cosa posso dire di Jade, lui per me è stata davvero una scoperta. Ha un sorriso contagioso e dolcissimo, è davvero una persona fantastica ed è risultato anche molto sensibile. Dopo ogni autografo e photo op ti abbraccia, in modo anche molto stretto, per non parlare poi del suo Panel finale, alla domanda “Cosa pensi dei tuoi fan?”, ha risposto che tutto questo è possibile solo grazie a noi ed è davvero grato di ciò e dopo si è commosso. Inutile dire che i pochi fan che hanno assistito, tra cui io, perché avevo già finito gli extra, si sono commossi insieme a lui. È stato davvero un momento molto bello e toccante.

Alberto Rosende: Alberto era uno speciale Guest, cioè è stato presente all’evento solo il sabato, il che è un vero peccato, mi sarebbe piaciuto stare con lui l’intero weekend. Dal momento in cui è entrato in scena, ho subito capito che è un ragazzo molto simpatico e dolce! Con lui non abbiamo visto molti Panel, ma ci hanno regalato comunque delle perle. Ad esempio, abbiamo avuto l’onore di sentirlo cantare dal vivo e, lasciatemelo dire, ha davvero una voce spettacolare! È stato bello anche vedere il bellissimo rapporto che hanno lui e Dominic. Una scena che mi è rimasta impressa è quando ero in fila per un extra, e mentre Dominic stava andando via dalla sala autografi, Alberto stava andando, così appena i due si sono visti, si sono corsi incontro per abbracciarsi!

Katherine McNamara: È arrivato il momento di parlare della nostra rossa preferita. La protagonista di Shadowhunters. La nostra fantastica Clary Fray. Cosa c’è da dire su Kat, è semplicemente bellissima e di una dolcezza disarmante. È una ragazza molto disponibile e soprattutto molto sorridente, sempre disposta a fare tutto ciò che i fan le chiedono. Vorrei dire molto di più sulla bellissima e dolcissima Kat, ma cosa posso dire di più? È assolutamente Perfetta!

 

Dominic Sherwood: E dopo Clary, è arrivato il momento anche di parlare di Jace! Lo ammetto, ero molto contenta quando l’hanno annunciato, ma avevo le aspettative un po’ basse, l’ho sempre creduto un ragazzo abbastanza freddo, ma la mattina del 15 luglio mi sono ricreduta! Appena è entrato è risultato un ragazzo davvero molto simpatico e si è anche rivelato il Jace perfetto! Che dire di altro? A lui piace davvero stare sul palco. Infatti, il primo giorno ci sono stati un po’ di ritardi, ma semplicemente perché lui, al posto di essere alla sua sessione foto, era sul palco con Alan a parlare e scherzare! E poi, devo assolutamente dire anche, che i suoi occhi sono un qualcosa di bellissimo! Appena ti guarda, tu rimani ipnotizzato.

Matthew Daddario: L’ultimo ospite, ma non meno importante è Matt. Appena l’ho visto sono rimasta incantata dal suo sorriso magnetico e bellissimo. Sono arrivata alla Convention, con delle aspettative di lui che credevo fossero troppo alte ed invece si è rivelato proprio la persona spettacolare che ho sempre sognato! Il sabato, alla fine del suo primo Panel, era dispiaciuto, perché gli sarebbe piaciuto restare a parlare con noi, così ha deciso di saltare la pausa pranzo per rimanere!! Matt era l’ospite che ha venduto più extra in assoluto, e nonostante la stanchezza del viaggio, nonostante le mille foto e i mille autografi che ha dovuto fare, nonostante il weekend frenetico per seguire bene tutto il programma, non ha mai tolto dalla faccia quel suo bellissimo sorriso e nonostante si vedesse che non si reggeva neanche più in piedi, si è sempre mostrato molto disponibile a tutte le richieste dei fan fino alla fine della Con.

Tutti gli ospiti si sono rivelati uno migliore dell’altro! Molti di loro hanno saltato le loro pause per stare in sala Panel a parlare anche se non era il loro turno e se tu li vedevi in giro per i corridoi, capitava anche che si fermassero per salutarti e abbracciarti.

Lo staff

Infine, vorrei parlare anche dello staff e soprattutto ringraziarlo! L’organizzazione è la Kinetic Vibe, un’agenzia con sede a Londra che organizza concerti, ma ha deciso di aggiungere anche le Convention. Ed ecco che la loro prima Con è stata proprio la The Italian Institute. Sin da mesi prima, si sono trovati ad affrontare vari problemi (Harry che ha cancellato) e anche durante l’evento si sono visti di fronte ad alcuni problemi. Primo fra tutti le foto, che molti hanno dovuto rifarle, perché il fotografo ha tagliato la testa di Matt. Per questo i ragazzi della Kinetic Vibe, si sono trovati di fronte al doppio delle foto da far fare durante una sessione, ma hanno reagito davvero in modo eccellente! Si sono dimostrati sempre disponibilissimi e gentili per ogni partecipante, e quindi vorrei dire allo staff “Tanto di cappello!”. Sono davvero rimasta colpito da come hanno reagito per ogni situazione. Le hanno davvero risolte in modo eccellente!

Vorrei concludere questo, ormai lunghissimo articolo, con un commento su questo evento.
È stato davvero uno dei weekend più belli della mia vita, lo staff, gli ospiti e i ragazzi che si conoscono in sala panel e nelle code, hanno reso l’ambiente davvero magico! Beh, mi sembra di aver già parlato fin troppo di questo evento stupendo e che ha rubato per sempre un pezzo del mio cuore, quindi vi lascio con un.. CI SI VEDE ALL’ANNO PROSSIMO!

Prima della prossima convention dovete però sorbirvi il mio resoconto, non è più Chiara a parlarvi adesso ma sono io, Irene, colei che non è riuscita ad essere presente alla convention nonostante avesse pass ed extras…IL MAI NA GIOIA, in pratica.

Vi starete chiedendo cosa ci faccia io qua se non ero lì a godermi lo spettacolo di quei tesori a due passi dai fans ma ve lo spiego subito perchè Chiara è stata così carina da farmi vivere la convention a distanza pur di non farmi sentire triste e di non sentire la mia mancanza ed io ancora non mi capacito di ciò che è successo e di ciò che ha fatto per me e colgo l’occasione anche per ringraziarla pubblicamente per la sua preziosità, QUESTA RAGAZZA E’ UN VERO E PROPRIO TESORO e ormai si sarà scocciata di sentire sempre i soliti complimenti ma ovviamente posso mai non essere la solita Irene? Naaaah.

Comincio col dirvi che non solo ho gli autografi degli ospiti presenti (tranne quello di Alberto che avrei dovuto prendere in loco but…) ma ho anche le foto di Matt, Dominic, Jade e quella Parabatai (ed anche qui, non ho quelle di Alan, Kat e Alberto perchè aspettavo di arrivare a Milano) ma sono a conoscenza del fatto che Matthew si sia ricordato di me e da quando Chiara mi ha comunicato le dinamiche precise ho rischiato di saltare in aria come un fuoco pirotecnico per poi esplodere in una pioggia di mille stelle luminose.

Sicuramente starete pensando: “In che senso ti ha riconosciuta se nemmeno t’ha mai vista?” ed io sono qui per rispondervi.

In pratica Chiara era in fila per l’autografo di Matt e sapeva benissimo quanto io tenessi a lui e le avevo chiesto di dirgli una cosa, molto velocemente, naturalmente e una volta arrivato il suo turno gli ha parlato di me e occhioni era talmente dispiaciuto non fossi presente che le ha chiesto più volte il motivo della mia assenza regalandole un sorriso enorme e una faccia da cucciolo che avrei tanto voluto vedere con i miei occhi ma che mi è stata descritta dettagliatamente e dopo qualche ora dall’autografo la nostra ragazza si è diretta alla fila per la foto Parabatai e Matt, vedendo il cartello con scritto “Where are you now Irene? I miss you”, ha collegato subito il nome a quella ragazza di cui gli aveva parlato Chiara e ha detto che quella ragazza la conosceva e che si ricordava di lei.

Ora, voi credete che io sia ancora la stessa persona di prima dopo aver saputo una cosa simile? Sicuramente no ma sinceramente, non me ne importa nulla, sono la persona più felice di questo mondo e spero di mantenere la promessa di vederlo l’anno prossimo per dirgli quello che in parte è riuscita a dire Chiara perchè, davvero, Matthew è importantissimo per me ma non starò qui a spiegarvi i motivi prima di tutto per non tediarvi visto che credo sappiate già quanto io sia prolissa quando inizio a parlare.

Sono stati tutti carinissimi e disponibili nonostante io non fossi lì e devo ringraziare anche lo staff e il boss che si sono dimostrati gentilissimi e spero di poterglielo dire di persona l’anno prossimo perchè, come ci siamo dette io e Chiara, ero lì anche non essendoci ma sapendo cosa si prova a vivere direttamente le conventions non posso assolutamente privarmi di una gioia tanto grande, sia per quanto riguarda gli attori che le persone che si possono incontrare durante quei magici giorni e anche perchè Chiara mi ha minacciato e dovrò essere per forza con lei se non voglio delle ritorsioni.

Concludo con il MAI NA GIOIA PIU’ GRANDE…il numero del mio pass era stato estratto per partecipare all’After Party ma, ovviamente, io non c’ero e quindi #CIAONE al Daddario e alla sua vicinanza killer e alla Kat e al Jade ballerini che hanno fatto divertire tutti i presenti confondendosi anche tra di loro come se fossero amici e questa è la dimostrazione che il MAI NA GIOIA esiste perchè io non vinco mai nulla alle lotterie o cose simili…o almeno non quando ci sono io e mi alternavo tra lacrime ed urla di gioia…

Da Chià ed Ire è tutto, ci risentiamo il prossimo anno con commenti in diretta, potete anche scommetterci.

Chiara ed Irene 

Commenti disabilitati su The Italian Institute: The First Convention

Studentessa di cinema, appassionata di serie tv e libri