Harry Styles rende omaggio alle vittime dell’attentato a Manchester

Harry Styles, membro degli One Direction, è una persona meravigliosa. Tutti quelli che lo seguono anche un minimo sapranno sicuramente quanto, nel corso degli anni, si sia impegnato in beneficenza e di come non si sia mai tirato indietro nel parlare di diversi problemi sociali. Da quando la boy band è in pausa e lui sta girando il mondo per un tour da solita, il cantante ha condiviso solo messaggi positivi e ha reso ogni singolo concerto un luogo in cui tutti sono accettati e amati così come sono.

Io ho avuto la fortuna di partecipare sia alla tappa all’Alcatraz lo scorso novembre, sia a quella al Mediolanum Forum il primo di aprile e ho vissuto in prima persona la magia che si crea una volta che Harry appare e inizia a cantare. Prima ancora di quello, ho osservato con immenso piacere il forum riempirsi di bandiere arcobaleno a supporto della comunità LGBTQ+ e vi posso assicurare che tutti si sono sentiti a proprio agio. È stata veramente un’esperienza meravigliosa.

Nelle altre tappe del tour, Harry ha più volte mostrato di supportare anche il movimento Black Lives Matter, impegnato nella lotta contro il razzismo, e quello End Gun Violence, che mira a porre fine alla violenza derivata dal libero uso delle armi. Inoltre, pur non potendo partecipare personalmente, ha mandato il suo amore alla manifestazione studentesca March for Our Lives svoltasi il 24 marzo 2018 a Washington e in altri 800 luoghi degli Stati Uniti e di altri paesi del mondo.

Ma non è finita qui, perché il 9 aprile si è esibito a Manchester e poteva non rendere omaggio alle vittime dell’attentato terroristico avvenuto lo scorso anno durante il concerto di Ariana Grande?

Harry Styles e il tributo alle 22 vittime dell’attentato

Harry è di Holmes Chapel, quindi durante quella tappa era a casa. Ovviamente non si è dimenticato dell’esperienza orribile che hanno vissuto Ariana e i suoi fan proprio lì. Quella notte del 22 maggio 2017 è stata davvero terribile: 59 persone sono rimaste ferite e 22 uccise. La cantante aveva organizzato il concerto One Love Manchester per aiutare le famiglie delle vittime, ed era stato molto emozionante. Quasi un anno dopo Harry, come ad ogni tappa, ha cantato Just A Little Bit Of Your Heart, ma questa volta il significato era ancora più grande:

Ho scritto la canzone che stiamo per suonare alcuni anni fa. Ha sempre significato molto per me, e stanotte penso che significhi molto di più di quanto abbia mai fatto prima. Suonarla in questa arena significa molto più di quanto abbia fatto prima. Vi ringrazio per essere qui stasera. Questa serata significa moltissimo per me. Suonare qui dentro significa davvero moltissimo per me, sono cresciuto assistendo ai miei concerti preferiti in questa arena. Ho scritto questa canzone e l’ho data ad una cantante di nome Ariana Grande. L’ha cantata qualche volta, e ora faremo la nostra versione per voi. E se trovate qualche modo per unirvi a noi, per favore fatelo. Sono con voi, Manchester… e vi ringrazio per aver speso un po’ di tempo con noi.

Ora ditemi come si fa a non amare quel ragazzo. Sono davvero fiera di seguirlo, e mentre aspetto la reunion degli One Direction mi godo il suo successo da solista. Harry Edward Styles si merita il mondo.

Potrei stare qui per ore a parlarvi di lui, anzi, potrei passare ore solo a parlare del kilt che si è messo ieri a Glasgow. Non vi preoccupate, non lo farò. Prima di lasciarvi, però, vi lascio con un’immagine del fan project di quella sera a Manchester.

Bellissimo, non trovate?

Martina

 

Precedente The Originals 5: vedremo di cosa è capace Hope? Successivo How to get Away With Murder: Viola Davis parla di femminilità e violenza