Crea sito
Recensioni,  Telefilm,  This Is Us

This Is Us – Recensione 5×01 & 5×02

Buonsalve ladies and gentlemen e benvenuti alla nostra primissima recensione di This Is Us! Piccola premessa: non sarò la sola ad occuparmene, mi alternerò con Sara, il mio cuore e partner in crime, che è anche il motivo per cui siamo qui. Mi chiedo ancora come sia riuscita a convincermi ad iniziare a recensire una serie devastante come questa, ma dopo la fine di Blindspot avevamo bisogno di un nuovo progetto insieme, oltra alla nostra Hotland, quindi eccoci qui. E abbiamo iniziato con il botto, aka con una première di due ore che, ovviamente, è stata come una corsa sulle montagne russe. Di solito mi serve circa un mese per riprendermi da un episodio, figuratevi da due. Ma ora bando alle ciance, che la recensione della 5×01 e 5×02 di This Is Us abbia inizio!

this is us recensione 5x01 e 5x02
ho AMATO la reazione di Toby quando Kev e Madison hanno annunciato di aspettare dei gemelli insieme

THIS IS US – RECENSIONE 5×01 E 5×02

Questa serie ha sempre avuto il pregio di essere estremamente realistica: i protagonisti non sono perfetti, hanno diversi problemi che non vengono nascosti. Hanno alti e bassi, ma la cosa bella è che ci sono sempre l’uno per l’altro. Il realismo di This Is Us continua anche in questa stagione. Infatti, in Forty ci è stato fatto vedere come i Pearson stanno reagendo agli eventi terrificanti del 2020. Non sono rinchiusi in una bolla utopica, vivono nel mondo reale in cui è scoppiata una pandemia globale e con le proteste a favore del movimento Black Lives Matter in corso.

Ho apprezzato molto la scelta di includere queste due cose, è un modo per sensibilizzare gli spettatori su argomenti importantissimi e attuali. Ma sempre in stile This Is Us.

#this is us from nah, she didn't

Avevo i brividi quando hanno mostrato Randall mentre apriva il video dell’omicidio di George Floyd. I produttori hanno ricordato a tutti che #BLM non è solo un hashtag. È un movimento sempre impegnato nella lotta contro il razzismo, non solo quando è di tendenza.

Randall ne ha parlato prima con Malik (che io amo, a proposito) e poi con sua sorella Kate. Ha spiegato cosa ha provato per quarant’anni, cercando di metabolizzare le tragedie in cui erano coinvolte persone nere da solo. Non poteva parlarne con la sua famiglia per non farli sentire a disagio, ma questo non vuol dire che non stesse soffrendo in silenzio. Entrambe le scene sono state davvero emozionanti e, nella loro semplicità, fanno riflettere un sacco.

this is us recensione 5x01 5x02
this is us recensione 5x01 5x02

I BIG THREE

Queste due ore di première si sono concentrate anche sul compleanno dei nostri Big Three (e di Jack). Purtroppo c’era davvero poco da festeggiare. Alla cabina, infatti, mancavano Randall e la sua famiglia, dato che l’ultima interazione con suo fratello è stata una mega litigata. Io li amo entrambi, ma a volte vorrei troppo prenderli a padellate in testa. Si sono augurati buon compleanno cinquanta volte ma nessuno dei due ha avuto il coraggio di ammettere i propri errori per primo. Kevin ha detto delle cose abbastanza pesanti, idem Randall. Quindi, cari Pearson testardi, SCUSATEVI L’UNO CON L’ALTRO!!!

Come se non bastasse, Kevin e Madison hanno fatto una gita in ospedale per controllare che i loro gemelli stessero bene e per qualche minuto ci hanno fatto temere che ne avessero perso uno. Ero già pronta con torce e forconi. Non avrei mai pensato di dirlo, ma non mi dispiacciono come coppia.

this is us recensione 5x01 5x02

Per fortuna era tutto a posto, ma quando sono tornati hanno scoperto che Rebecca era sparita. Randall ha guidato per un’ora e mezza per essere d’aiuto, ma alla fine è stata la polizia a riportarla a casa. Tuttavia, è stato proprio Randall a capire il motivo dell’episodio di sua madre, e tutto è bene quel che finisce bene. Per ora.

JACK PEARSON

In una recensione di This Is Us che si rispetti non può mancare un paragrafo dedicato a Jack Pearson, soprattutto dopo le scene che ci hanno fatto vedere nella 5×01 e 5×02. Sapevamo già che fosse apprensivo, e questo episodio ce lo ha confermato. Ho amato vederlo così preoccupato per Rebecca e pronto anche a rubare una radio all’ospedale pur di rendersi utile. Ha smesso di essere divertente quando è entrato nella cappella dell’ospedale per pregare (QUASI SCONTRANDOSI CON WILLIAM!!!). Mi è piaciuta molto anche la telefonata con suo padre, ma la coltellata al cuore che è stata la sua frase: “Take me if you want” non ha paragoni. Eccolo qui il This Is Us che amiamo e odiamo perché ci fa soffrire.

Piccolo bonus: la conversazione tra Rebecca e Jack prima che partissero per l’ospedale, in cui lui giura che se dovesse tagliarsi la barba non avrà mai i baffi o il pizzetto.

#liar from livelovecaliforniadreams

Sempre Jack due minuti dopo:

#liar from livelovecaliforniadreams

WILLIAM & LAUREL

La storia di William e Laurel è davvero, davvero triste. Erano giovani, pieni di vita e con tanti progetti. Stavano combattendo la loro tossicodipendenza giorno dopo giorno e presto sarebbero diventati genitori. Purtroppo, però, Laurel non ha ottenuto il lavoro che desiderava, i loro amici sono stati arrestati per aver consegnato dei volantini e il parto li ha colti così alla sprovvista che non sono riusciti ad andare in ospedale.

Una dose di eroina per aiutare con il dolore le è stata fatale, o così tutti pensavamo. Plot twist: Laurel è sopravvissuta, il che vuol dire che ha passato quarant’anni senza sapere dove fossero finiti William e suo figlio. Non oso immaginare cosa ci aspetta. Preparo i fazzoletti, so già che mi serviranno.

this is us recensione 5x01

Okay, ce l’ho fatta, sono sopravvissuta (a malapena) a questa recensione sia della 5×01 che della 5×02 di This Is Us. Se volete farci sapere la vostra opinione, i vostri commenti qui sotto o sulla nostra pagina Facebook sono i benvenuti! La settimana prossima non ci sarà un nuovo episodio, quindi vi do appuntamento tra 14 giorni, non mancate!

Martina

Vediamo cosa posso dirvi su di me. Studentessa di lingue? Probabilmente non vi interessa. 23 anni? Solo anagraficamente, dentro sento di averne come minimo 80. Telefilm addicted? Duh. Personaggi preferiti? Tutti al cimitero. Le mie ship? Never canon. Insomma, mai? 'Na gioia.