Recensioni,  Telefilm,  This Is Us

This Is Us – Recensione 6×08

Buongiorno ladies and gentlemen, le pause dovrebbero essere terminate quindi inizia ufficialmente il countdown al 25 maggio, giorno in cui la serie finirà per sempre. Ma ora non pensiamoci. Ci arriveremo con calma, e il primo passo è la 6×08 di questa settimana, che è stata in pieno stile This Is Us. Primo, perché i Pearson si sono diretti in piscina; secondo, perché Kevin ha avuto una crisi esistenziale; terzo, perché Nicky è stato fantastico.

this is us 6x08

THIS IS US – RECENSIONE 6×08

Dal modo in cui questo The Guitar Man è partito, sembra che il discorso di Rebecca abbia dato inizio a tre episodi in cui i Big Three penseranno al futuro. Il primo che ci hanno mostrato è Kevin, che è esattamente uguale a Jack. Ha sempre avuto difficoltà a trovare il suo posto, anche lui dice di non essere “solido”. Nonostante tutto, però, non ha mai abbandonato nessuno, prova sempre a fare del suo meglio, sbagliando e imparando dai suoi errori.

In passato era un bambino che voleva volare prima di camminare, o tuffarsi prima di saper nuotare. Ora è un uomo, un brav’uomo che sta cercando di guarire da un passato di alcolismo e che si sta impegnando per la sua famiglia. Stiamo vedendo Kevin crescere in un modo meraviglioso: adoro la sua evoluzione. Certo, farà ancora molti errori, ma il suo cuore lo riporterà sempre sulla strada giusta. Come il progetto di Big Three Homes: ora abbiamo visto come nasce, per un’idea di Kev di aiutare veterani di guerra.

A proposito: ho apprezzato tantissimo il modo in cui hanno affrontato un argomento delicato come la salute mentale dei veterani. Cassidy ha vissuto un momento di felicità e subito dopo ha provato a togliersi la vita. Kevin non ha idea di come ci si senta, ma Nicky è stato in guerra e può capire quel trauma. Gli è bastato sentire le dinamiche dell’incidente per fare due più due, e ci ha azzeccato. Per fortuna non è successo niente di grave e ora il nostro Pearson sa che un sorriso non vuol dire niente, che tutto può cambiare in un attimo. Cassidy e Nicky (e Jack) dovranno sempre combattere contro i demoni del passato, ma sono felice che almeno abbiano un solido supporto e che non siano soli.

Comunque, la scena in cui Kevin è sul portico della baita dove è iniziato tutto, a parlare di Jack ai gemelli, è stata perfetta. Sta maturando e sarà lui a portare a termine il sogno di suo padre e di sua madre. Ed è stato proprio Milo Ventimiglia a dirigere quel momento, quindi Jack era davvero lì con loro.

#precious di livelovecaliforniadreams

Uno chapeau speciale va al Kevin che si porta due neonati in aereo da solo. Non era facile per niente, ma si è messo in gioco perché ama davvero i suoi figli. E grazie al cielo il viaggio di ritorno è andato molto meglio di quello d’andata. Vi immaginate viaggiare in prima classe e doversi sorbire bambini urlanti e odori spiacevoli? Molto cute, ma di certo non il servizio per cui qualcuno pagherebbe.

Un’altra cosa che ho apprezzato è la piccola videochiamata tra i Big Three. C’è da segnarsi la data sul calendario, perché per una volta i tre fratelli hanno parlato senza che degli psicologi dovessero essere coinvolti. Con loro siamo abituati al tipo di conversazione che hanno avuto alla piscina abbandonata, sul senso della vita, sul futuro, su traumi, su delusioni e speranze. Vederli chiacchierare e ridere su Skype è stato incredibilmente normale, per niente tragico. Abbiamo bisogno anche di momenti così, visto l’andazzo.

#siblings di livelovecaliforniadreams

Bene ragazzi, siamo giunti alla fine. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi, quindi se vi va aspetto un vostro commento o qui sotto o sulla nostra nostra pagina Facebook. Potete anche seguirci su TikTok! Inoltre, trovate tutte le nostre precedenti recensioni sul sito; infine, il cofanetto di This Is Us è disponibile qui, altrimenti potete sempre trovare gli episodi su Prime Video.

Martina

Vediamo cosa posso dirvi su di me. Studentessa di lingue? Probabilmente non vi interessa. 23 anni? Solo anagraficamente, dentro sento di averne come minimo 80. Telefilm addicted? Duh. Personaggi preferiti? Tutti al cimitero. Le mie ship? Never canon. Insomma, mai? 'Na gioia.